Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Libri e interviste  »  L'intervista di Salvo Zappulla a Silvia Leonardi, autrice del romanzo “Allo specchio”, edito da Il Filo 16/09/2009
 

Intervista di Salvo Zappulla a Silvia Leonardi, autrice del romanzo Allo specchio, edito da Gruppo Albatros Il Filo

 

 

 

Silvia, questo tuo romanzo d'esordio sembra voler stimolare in ognuno di noi il desiderio di confrontarsi con la propria coscienza. C'è sempre uno specchio lì ad aspettarci?


Credo che capiti a tutti, almeno una volta nella vita, di fare un bilancio della propria esistenza. Di restare come sospesi, fuori dal tempo, a ripercorrere i nomi e i volti delle persone che – nel bene e nel male – ci hanno segnato. In un certo senso il mio vuole essere un invito all'introspezione ed alla riflessione, esercizio ormai scarsamente praticato, troppo facilmente trascurato ed oscurato a favore di una frenesia ed un' “urgenza di vivere” che monopolizza la nostra attenzione, succhia le nostre energie, svuotandoci il cuore e la mente; un incoraggiamento a porre noi stessi “allo specchio”, senza reticenza né timore di scoprire fantasmi inaspettati, perché solo se prima ascoltiamo noi stessi abbiamo buone possibilità di interpretare la vita nel modo migliore. Ogni momento delle nostre giornate può essere quello giusto per guardarci riflessi, come fa Maria, perché almeno per un istante, di qualsiasi giorno di qualsiasi vita, ci sarà sempre un autobus da poter perdere e lasciar andar via.


Cos'è per te la felicità?


Che domanda difficile! Avessi la definizione ne avrei forse anche la chiave. Credo che ognuno possa ritrovarsi in un desiderio così semplice e – forse proprio per questo- difficile da contenere in una forma tangibile e reale La felicità è per me una condizione di benessere che implica gioire delle piccole cose, spostare il paletto dei desideri sempre un po' più in là e lottare perché possano avverarsi. Senza dimenticare le infinite forme di felicità che ci passano accanto, quelle che sembrano quasi ovvie e scontate e che invece sono il collante della nostra vita. Felicità è sapere che le persone che amo stanno bene, avere progetti che crescono, idee che ruotano in testa. Saper cogliere la bellezza nella natura, nell'arte, nella poesia, nello sguardo dei bambini. Convinta sempre che “quel mio essere felice nella maniera che può bastare sia già vera felicità” .


Quanto è importante per te scrivere?


Scrivere è senza dubbio il modo più umano di rappresentare se stessi. Personalmente scrivo “sotto emozione”, non riesco semplicemente a legare parole che insieme risultino coerenti e piacevoli. Dentro deve prendere posto una suggestione, un guizzo, un moto per quanto piccolo. Anche se non parlo direttamente della mia vita, cerco di tessere un filo sottile con il lettore, trasmettere insomma a chi legge la sensazione di ritrovarsi in qualcosa di già sperimentato sulla propria pelle.
In questo senso scrivere è stato da sempre per me la naturale valvola di sfogo alle emozioni, fin da bambina, e non necessariamente per uno scopo. Ho scritto gioie e dolori, momenti che ho condiviso e attimi solo miei, strettamente privati.
Anche se devo ammettere che sono più incline a un certo tipo di scrittura “creativa” in momenti di particolare malinconia.

Me lo spiego solo con il fatto che solitamente il dolore ci colpisce più duramente della gioia, mette a nudo in maniera evidente la nostra condizione precaria di esseri umani ed è qualcosa che tutti sperimentiamo prima o poi nella vita.
Per questo non smetterò di scrivere finché avrò qualcosa da dire.

 

Maria, la protagonista del tuo romanzo, sembra quasi una persona alla continua ricerca di se stessa, come divorata da un'ansia struggente e metafisica.

Quanto ti riconosci in quel personaggio?


Ho iniziato a scrivere “Allo Specchio” diversi anni fa, e forse allora mi riconoscevo di più nel personaggio di Maria. Era il periodo in cui, trasferitami dalla Sicilia a Roma, soffrivo di questa libera scelta che pure mi allontanava dalla mia terra, dai miei affetti, dagli amici di sempre. Per questo ho trasferito in Maria una malinconia struggente, un'affannosa ricerca della felicità, senza saper esattamente come definire il vuoto –l'assenza forse- che mi portavo dentro. In realtà si trattava solo di ritrovare una mia dimensione, il posto giusto in cui stare. A livello biografico con Maria non ci sono similitudini ma è chiaro che il personaggio porta con sé un mondo di emozioni e una gamma di sfumature in cui mi riconosco. Un'etica, se vogliamo, un attaccamento ad alcuni valori come la famiglia, la terra, l'onore che volenti o nolenti noi gente del Sud abbiamo impressi nel nostro codice genetico.
Maria rappresenta in realtà tutte le donne che sopravvivono al silenzio, all'abbandono, alle ferite e forse in tal senso chiunque faccia parte dell'universo femminile può ritrovare un pezzetto di lei nella sua vita.


C'è qualcos'altro nel cassetto? Vuoi anticiparci qualcosa?


Sto terminando un romanzo, del quale non vorrei anticipare troppo. È una storia totalmente diversa rispetto “Allo Specchio”, molto più…diciamo moderna, attuale, riflesso dei nostri tempi e di una società in cui è facile snaturarsi e perdere di vista valori importanti. La definirei una storia d'amore e di perdono, a volte possibile, altre impossibile e nei limiti della nostra natura umana. Anche il linguaggio è diverso, in alcuni punti colorito e spontaneo. In mezzo a tutto questo, spero sempre e comunque di riuscire a trasmettere un messaggio e che le mie parole possano essere spunto di riflessione. La protagonista ancora una volte è una donna, voce narrante in prima persona e spero che chi lo leggerà possa trovarlo divertente e al tempo stesso “meditativo”.

 

Allo specchio

di Silvia Leonardi

Gruppo Albatros Il Filo

Narrativa romanzo

Pagg. 85

ISBN: 9788861853041

Prezzo: € 13,00

 

 

Salvo Zappulla

 
©2006 ArteInsieme, « 09647676 »