Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Libri e interviste  »  L'intervista di Salvo Zappulla a Barbara Becheroni, autrice di “Che più giallo non si può!, edito da Lussografica 25/09/2009
 

Intervista di Salvo Zappulla a Barbara Becheroni, autrice di Che più giallo non si può! Ricette e piccole cose a base di zafferano, edito da Lussografica

 

 

Perché una scrittrice di narrativa si è interessata così tanto allo zafferano?


A volte le motivazioni che ci spingono in una direzione sono molteplici e apparentemente non collegate. Nel mio caso, per esempio, possiamo dire che l'interesse nei confronti dello zafferano nasce con l'amore per la cucina. Uniamo il secondo ingrediente, che è la terra. Aggiungiamo poi il volere andare a fondo nelle cose… La passione per lo studio. Ecco, mescoliamo accuratamente e uscirà questo libro.


Se ho capito bene, lei si dedica anche alla coltivazione dello zafferano…


In maniera assolutamente artigianale e, come si suol dire, “per uso personale”: ho destinato un piccolo appezzamento del mio terreno alla coltura del Crocus sativus, da cui si ricava lo zafferano. Devo dire per esperienza diretta che il clima siciliano rende la spezia particolarmente ricca di qualità organolettiche, ma quando i picchi di calore superano valori estremi le piante soffrono e la produzione cala drasticamente.


Passiamo alla buona cucina…


Fin da bambina ho provato il desiderio di cucinare bene. Crescendo ho nutrito questa mia passione e ora mi considero una buona cuoca, anche se limitatamente all'ambito familiare o al massimo conviviale. Ora che parlare di cibo è così di moda, mi sento a mio agio. In ogni caso, coltivo personalmente una gran quantità di ingredienti, oltre allo zafferano. Ho un grande e generoso orto che mi aiuta a preparare piatti fantastici.


E lo studio?


Lo studio in cucina è, a mio giudizio, essenziale. Deve esserci una buona base teorica, che si può apprendere direttamente dai maestri o dalla carta stampata, poi un percorso personale che imprime la nota unica e irripetibile caratteristica di chi cucina. Io ho scelto la strada dei cibi naturali, semplici e con tanti ingredienti selvatici, che raccolgo nella campagna che circonda la mia abitazione.


Vuole dire che è capace di scovare piante selvatiche commestibili?


Non è una cosa così difficile! Comunque ho imparato fin da piccola, quando abitavo a Milano: i miei nonni mi portavano nel Parco del Ticino e insieme raccoglievamo il tarassaco da fare in insalata e il luppolo selvatico per le frittate. In Sicilia chi ha voglia di camminare ha a disposizione una quantità incredibile di erbe selvatiche edibili: finocchio selvatico, asparagi, cicoria, bietole, cardi di vari tipi… Basta aver tempo e pazienza.


Cambiamo argomento: dal nutrimento del corpo a quello della mente. Cosa ha in cantiere di narrativa?


Spero di poter proporre presto al pubblico un thriller e un giallo. Dipende dagli editori. Il thriller è ambientato in Brasile, la terra in cui visse mio padre. Si tratta di un romanzo di grande respiro, il cui tema principale è l'ambiente, con tutti i problemi che vi sono collegati. Il giallo è completamente siciliano. È la seconda puntata del mio precedente giallo “Nel dolore”, edito da Carlo Morrone, con cui ho vinto il premio Targa il Molinello.


Come riesce a trovare il tempo di lavorare, scrivere e gestire la famiglia?


Sinceramente non lo so. Ho una professione impegnativa, sono veterinario e mi occupo di cavalli. Di solito lavoro di mattina, perché durante il pomeriggio, con l'asilo chiuso, devo seguire le mie figlie, che sono piccole e hanno molto bisogno di me. Però le ho abituate al mio lavoro: se ci sono urgenze da codice rosso mi tocca portarle con me, dato che non ho la possibilità di lasciarle a nessuno. Ho descritto questa particolare situazione in un racconto autobiografico che sarà pubblicato dalla casa editrice Fernandel in un'antologia chiamata “Fiocco rosa”. Un'iniziativa molto intelligente, volta a indagare il tema della maternità al giorno d'oggi. Io mi sono limitata a narrare un fatto realmente accaduto: una giumenta che dopo il parto non riusciva ad alzarsi in un caldo pomeriggio estivo. E io, con le due bambine a carico, che sono riuscita a salvarle la pelle…


Ma quando scrive?


Già! Mi ritaglio un francobollo di tempo dopo pranzo. Non più di quarantacinque minuti al giorno. Però mi bastano, dato che di solito ho le idee molto chiare su ciò che voglio scrivere. Siccome mi sveglio alle cinque e mezzo di mattina, di notte dormo. Molti amici scrittori, invece, amano scrivere di notte.

 
Perché scrive?


Perché mi piace e per me è una cosa naturale come mangiare, o respirare. Mi piace avere un'idea, farla crescere, darle un corpo e finalmente vederla sbocciare in un racconto o in un romanzo. Sinceramente preferisco il racconto come forma narrativa. Adoro il ritmo veloce eppure essenziale che devo imporre a un racconto. So che adesso questo tipo di narrativa non è “di moda”, che gli editori preferiscono i romanzi, però non capisco il motivo di questa imposizione di mercato. Tanti grandi scrittori si sono cimentati in questo genere e a me è sempre piaciuto leggerli: Buzzati, Kafka, Maupassant, Borges e via dicendo. Penso che per me, la peggiore tortura sia il vivere senza leggere e scrivere.


In conclusione?


Beh, ho fatto del motto latino “mens sana in corpore sano” la mia meta. Senza mai esagerare, senza fanatismo cerco di mantenere in ordine la “carrozzeria” con un'alimentazione corretta e la “cabina centrale” con lo studio, la lettura e la scrittura. Lo faccio per me e per riuscire a mantenermi giovane per le mie figlie, che hanno bisogno di una mamma sempre in gamba. Spero di esserci riuscita.

 

Che più giallo non si può!

Ricette e piccole cose a base di zafferano

di Barbara Becheroni

Lussografica Editore

Cucina

Pagg. 144

ISBN: 9788882432072

Prezzo: € 15,00

 

 

Salvo Zappulla

 
©2006 ArteInsieme, « 09720673 »