Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Poesie, di Caterina Camporesi, edito da CID Podgorica e recensito da Vincenzo D'Alessio 15/03/2019
 
Caterina Camporesi: “ Poesie” – Katerina Kamporezi: “ Poezija” – CID Podgorica Editore,2018.



Le ultime tre raccolte della poeta Caterina Camporesi: “ Solchi e Nodi” (FaraEditore,Rimini,2008); “Dove il vero si coagula”(Raffaelli Editore,2011); “ Muove il dove” (Raffaelli Editore,2015); sono state riprese con prefazione e traduzione in lingua croata da Vesna Andrejevic in un unico volume che reca il titolo “ Poesie / Poezija”( CID- Podgroica,2018).

La produzione poetica della Nostra ha permeato la poesia contemporanea dalla fine del Novecento, appena trascorso, fino ai giorni nostri.

La scelta del verso breve, suadente, ha caratterizzato le ultime raccolte che in questo volume vengono riproposte: energia sotterranea che geme e paziente attende l’emersione, nell’esplosione dei sensi.

Gli occhi raggiugono le parole sul foglio; la voce recita lentamente il percorso; la forza creativa si impadronisce del lettore e lo imprigiona:

bufere di primavera imbiancano / rifiorite praterie / nell’eco dell’eterno ritorno / il duende agita acque di giada / ” (a pag.52).

Riprendendo la stupenda prefazione del filosofo contemporaneo Massimo Sannelli, alla raccolta “ Solchi e nodi” (2008), il lettore potrà percorrere lo stretto sentiero modellato dal Tempo per raggiungere quel “ duende” energetico appartenuto anche al poeta Federico Garcia Lorca:

2. La comunità umana si riconosce nel vincolo della necessità (ripararsi, cibarsi, riprodursi), della decadenza e della morte; tutto avviene come ricorda il marmo dell’Elegia IX di Rilke: questa vita – vita di “lacerati rami” o di “farfalle ferite” o “ vita esiliata” di Caterina – avviene una volta, una volta sola; e deve scomparire.”(a pag.20).

La trilogia delle soste nel lungo/breve viaggio della Nostra nelle terre poetiche costituisce la metafora della giada (verde Speranza) nata dal parto (le acque) della poetamadre (lei stessa) per eternare il nome e il paesaggio dell’anima.

Non è mai un atto egoistico la nascita di una poesia.

L’eterno ritorno dei versi “ nell’eco ” scandirà il cammino dei secoli:

raccoglie verità l’istante / che scheggia l’eterno / destinato a sbriciolarsi / in altri lampi / ” (a pag.142).

La traduzione in lingua croata (Prevela sa italijanskog) realizzata con cura da Vesna Andrejevic dell’intero corpo poetico è stata pensata poiché: “ La lingua serbo croata è considerata la lingua più bella dagli slavi in generale per la poesia: ha tratti di dolcezza e di arcaicità.” (Alessandro Ramberti).

Vorremmo accostare a questa voce contemporanea la voce della poeta Margherita Guidacci (1921-1992), con i versi della poesia “ All’Eterno”:

Come onde la tua riva tocchiamo. / Ogni istante è confine tra l’incontro e l’addio. / Dal nostro mare in te fuggire, nel nostro mare fuggirti: / non altro è di noi labili il destino.”.

Vincenzo D’Alessio


 
©2006 ArteInsieme, « 09720336 »