Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Letteratura  »  Il mondo di Sofia, di Jostein Gaarder, edito da Longanesi e recensito da Siti 06/04/2019
 
Il mondo di Sofia – Jostein Gaarder – Longanesi – Pagg. 550 – ISBN 9788830412309 – Euro 19,90



Un compendio alternativo



Successo mondiale apparso in Norvegia nel 1991, Premio Bancarella da noi nel 1995. Lo leggo decisamente in ritardo rispetto alla sua pubblicazione, mi aiuta questo, come sempre, a farmene un'idea del tutto personale. 
È un romanzo a tratti affascinante e a tratti respingente, la sezione puramente romanzesca è affidata ad una narrazione nella narrazione, volutamente ideata per creare piani sovrapposti di lettura e di comprensione, surreale in alcuni punti, incerta e fumosa sempre, a metafora della condizione umana di comprensione della realtà; la sezione puramente espositiva è invece didascalica, chiara, esplicativa e rigorosamente basata su un asse cronologico: è una storia della filosofia propedeutica ad uno studio più rigoroso, adatta agli adolescenti che ancora devono approcciarsi alla filosofia e che di contro stanno spontaneamente iniziando a porsi domande profonde e intelligenti sul senso e sul mistero della vita.
All'adulto può risultare utile come compendio alternativo ad altri, ma anche no. Chi ha buone conoscenze filosofiche, è probabile che possa trovarlo alquanto semplice e riduttivo; chi non ha un buon bagaglio di conoscenze penso che invece possa stupirsi rispetto all'asse puramente diacronico che quanto meno aiuta a percepire l'evoluzione del pensiero umano. L'aspetto più interessante sul piano letterario può invece ritrovarsi solo, a mio giudizio, nella radice culturale e geografica di chi scrive perché l'intero romanzo è ricco di citazioni tratte dalla cultura nordica: dalla mitologia a Selma Lagerlöf e può rappresentare uno spunto per approfondire autori nordici, apprezzabile infine la chiarezza espositiva, potrebbe riappacificare qualche imbelle con un sapere che a suo tempo gli parve ostico al punto tale da dichiararsi arreso.


Siti

 
©2006 ArteInsieme, « 09454935 »