Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  La doppia spirale, di Massimiliano Cardella, edito da 0111 e recensito da Laura Vargiu 22/08/2020
 
La doppia spirale – Massimiliano Cardella – 0111 Edizioni – Pagg. 150 – ISBN  9788893703390 -Euro 15,00


Un ottimo giallo


Appassionante e geniale: se qualcuno mi domandasse di riassumere in due sole parole il romanzo “La doppia spirale” di Massimiliano Cardella, ecco quelle che utilizzerei! In fin dei conti, che altro si chiede in genere a un buon giallo perché possa essere considerato tale, se non di saper coinvolgere e stupire il lettore? Se poi a ciò si unisce una scrittura curatissima sotto ogni aspetto, allora ci troviamo di fronte a un ottimo giallo.
Pubblicato lo scorso anno dalla ZeroUnoUndici Edizioni, questo libro, che mette insieme forma e sostanza di alta qualità, si presenta fin dalle prime pagine come un'opera davvero eccellente. E non è cosa di poco conto, considerata la superficialità (anche linguistica) spesso riscontrabile di questi tempi. Di grande talento si rivela la penna dell'autore che dà vita a una trama che, in più punti, offre veri e propri colpi da maestro.
Una New York ricca tanto di luci e colori quanto di ombre fa da sfondo alla vicenda che prende avvio da un incidente d'auto in tarda ora per poi proseguire attraverso la successione di capitoli mirabilmente strutturati; anche i personaggi risultano molto ben caratterizzati, da quello che appare come il protagonista a quelli per così dire secondari, tutti perfettamente funzionali alla storia narrata. Il caso di Tuesday, l'astutissimo serial killer che firma delitti di macabra violenza ai danni di donne sole, sa tenere banco in modo avvincente e spettacolare, mentre la realtà s'intreccia e si confonde, a insaputa di chi legge, con una dimensione non meno reale che si svelerà soltanto nell'inatteso e originale colpo di scena finale, segno inequivocabile di una scrittura matura e dalle solide basi che non lascia nulla all'improvvisazione e che dimostra, in definitiva, come non sia necessaria la spettacolarizzazione eccessiva e quasi morbosa del sangue su cui puntano alcuni, con tanto di dettagli truci, per conquistare i lettori: è tutto il resto che fa la differenza.

Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 010468948 »