Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Charlie non esiste, di Valeria Cassini, edito da Augh! e recensito da Katia Ciarrocci 06/09/2020
 
Charlie non esiste – Valeria Cassini – Augh! - Pagg. 272 – ISBN 9788893432689 – Euro 15,00




Charlie ha tredici anni, è una ragazzina ribelle e strafottente che vive in un orfanotrofio ed è costretta a sopportare soprusi, a lavorare contro la sua volontà, anche se a differenza degli altri bambini che svolgono lavori disumani, lei ha un lavoro presso un’agenzia di pubblicità.
La ricerca della propria identità e delle sue radici, la porterà ad affrontare cose tremende, Charlie sarà Mary o Sarah, impersonerà personaggi diversi per relazionarsi con il mondo che la circonda in specifici momenti del suo percorso.
Che cosa vorrebbe Charlie in realtà?
Urlare il suo vero nome, essere sé stessa, non aver paura, ma soprattutto ritrovare sua madre.
Un libro interessante, quello di Valeria Cassini, una trama ben articolata e piena di colpi di scena, forse troppi, o troppo in fretta narrati. Il romanzo si divide in tre parti e nonostante la scrittura sia avvincente e schietta, la narrazione lascia indietro le emozioni, nei tratti più forti, dove anche il lettore dovrebbe vivere le paure e il terrore della protagonista, ciò non avviene. Questo è un vero e proprio peccato perché nell’interno di “Charlie non esiste” l’autrice butta l’amo per un mondo di riflessioni e tocca argomenti esistenziali quali la ricerca di fede, la scoperta della sessualità ecc., argomenti che affollano la mente non solo degli adolescenti, ma dell’essere umano da sempre e per sempre
Mi ripeto nel complesso è un libro veramente interessante anche se un po’ immaturo nel descrivere le emozioni nella loro totalità.


Katia Ciarrocchi


www.liberolibro.it

 
©2006 ArteInsieme, « 010468967 »