Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Vita di Eleonora di Arborea, di Bianca Pitzorno, edito da Mondadori e recensito da Siti 26/09/2020
 
Vita di Eleonora d’Arborea. Pincipessa medioevale di Sardegna – Bianca Pitzorno – Mondadori – Pagg. 368 – ISBN 9788804705925 - Euro 15,00



Indipendetzia



Eleonora D’Arborea, personaggio storico della seconda metà del XIV secolo, è molto famosa anche se la sua storia personale è poco documentata. A lei è riconosciuto il merito di aver firmato la Carta de Logu, un codice di leggi rimasto vigore in Sardegna fino al 1827 - in realtà il primo nucleo fu dovuto alla mente del suo illuminato padre Mariano – e di aver proseguito nell’opera compiuta dai suoi predecessori: preservare l’autonomia del giudicato di Arborea evitando un servaggio che una concessione di papa Bonifacio VIII, fatta nel 1297 a re don Giacomo d’Aragona e consistente nel dono della Sardegna come feudo in cambio della Sicilia, avvallava . Come se la Sardegna non si fosse resa autonoma, terminata la dominazione bizantina (827) autogovernandosi con quattro principati autonomi retti da famiglie imparentate tra di loro , i giudicati appunto; come se Arborea, governato dalla famiglia De Serra, visconti di Bas, non fosse uno di questi. Fu sotto questi giudici che la Sardegna visse i suoi primi aneliti di libertà e di autonomia, unendosi e percependosi come unico popolo.

Il lavoro della nota scrittrice sarda, Bianca Pitzorno, ascrivibile secondo la stessa, alla categoria di “racconto biografico”, non è immune dalle difficoltà dettate dalla scarsità di fonti documentarie, e pur essendo nato alla fine degli anni ‘70 del secolo scorso, ha necessitato di ulteriori aggiornamenti grazie al rinvenimento di ulteriori documenti che hanno impreziosito il ritratto della giudicessa rinnovando lo scopo primario del lavoro stesso: sfrondare la figura storica da una sorta di aura romantica dovuta a pure tensioni di stampo risorgimentale che generarono addirittura dei documenti falsi, le famose Carte d’Arborea, in assenza totale dei documenti dell’archivio della Reggia di Oristano, andati perduti durante un incendio.

Insomma Eleonora fu davvero una principessa guerriera, una madre affettuosa, una sposa fedele, e ancora fu una cristiana devota, una dotta legislatrice, una avveduta massaia? Certo è che tutta la sua giovinezza rimane in ombra e che ogni studioso che scrive dei suoi primi anni di vita si affida soprattutto alla ricostruzione romanzata. Tanti sono i nodi ancora da sciogliere: il presunto sfregio nel viso, le ragioni del matrimonio tardivo a un Doria, la fedeltà allo stesso durante la sua prigionia per mano aragonese, la vera identità del secondo figlio … Rimane certo però quanto attestato dalle carte aragonesi: il giudicato interveniva a pieno titolo nella vita politica dei territori affacciati sul Mediterraneo, la giudicessa firmava gli atti, compresa quella pesante pace del 1388 che siglò la fine delle ostilità con gli aragonesi in cambio della libertà del marito e che le costò la cessione di gran parte dei territori che il padre Mariano aveva sottratto al nemico storico.

Il lavoro della Pitzorno ha il pregio dunque di unire il rigore del saggio storico alla piacevolezza della narrazione, appassionando il lettore alla figura di una donna protagonista della storia ma avvolta tuttora da un’aura di mistero.


Siti

 
©2006 ArteInsieme, « 010538361 »