Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Sono fluito e altre poesie, di Fernando Pessoa, edito da Via del Vento e recensito da Laura Vargiu 04/07/2021
 
Sono fluito e altre poesie – Fernando Pessoa – Via del Vento – Pagg. 32 – ISBN 9788887741797 – Euro 4,00


Nulla abissale



Pubblicato nel dicembre del 2005, questo volumetto dedicato a Fernando Pessoa fa parte della collana «Acquamarina» del catalogo delle Edizioni Via del Vento, una piccola casa editrice con sede a Pistoia che proprio quest'anno festeggia ben trent'anni di attività (www.viadelvento.it). La collana, purtroppo cessata nel 2012, propone testi scelti e in nuova traduzione di grandi poeti stranieri del XIX e XX secolo.

"Sono fluito e altre poesie" è una breve raccolta che dà la possibilità di approfondire la conoscenza dell'opera di Pessoa, così come si rivela eventualmente anche un'ottima base di partenza per iniziare a leggere il famoso autore portoghese nato e morto a Lisbona (1888 – 1935), vissuto durante la giovinezza in Sudafrica e noto pure attraverso diversi eteronimi (Ricardo Reis, Bernardo Soares, etc.) che finirono per scandire l'esistenza di una personalità davvero molto particolare.

Il volumetto (a cura di Susanna Mati, che firma in chiusura un'interessante nota al testo, e con traduzione di Ivana Adelekê Araujo Belnuovo) racchiude ventidue liriche in larga parte inedite ai lettori italiani; composte negli anni tra il 1930 e il 1934, esse appartengono pertanto al periodo più tardo della produzione pessoana e offrono senza dubbio una lettura affascinante e complessa. Versi, questi di Pessoa, dai quali emerge un vero e proprio “movimento” – per riprendere le parole della curatrice della pubblicazione – “assoluto-nichilistico, volto al nulla abissale”, mentre il poeta s'interroga su che cosa egli abbia fatto della vita, “pensata, mal vissuta...”, che non fa che “trascorrere/ come un fiume senza correre."

Tra i vari testi significativi di questa piccola ma preziosa raccolta, riporto il seguente, datato 16 luglio 1934 (pag. 24), che mi ha particolarmente colpita:

[Ho in me come una bruma]

Ho in me come una bruma
che nulla è, né contiene
nostalgia di cosa alcuna,
o desiderio di qualche bene.

Essa mi avvolge
come una nebbia
e vedo rilucere l'ultima stella
sopra la punta del mio portacenere.

Ho fumato la vita. Come fu incerto
tutto quanto ho visto o letto!
E tutto il mondo è un gran libro aperto
che in lingua ignota mi sorride.

Fernando Pessoa


Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 011246126 »