Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Il re della pioggia, di Saul Bellow, edito da Mondadori e recensito da Siti 04/07/2021
 
Il re della pioggia – Saul Bellow – Mondadori – Pagg. 336 – ISBN 9788804496168 – Euro 7,90


Siamo andati a caccia del leon...bang bang...


Curiosissimo e divertente romanzo di un premio Nobel che dovette pure giustificarsi per la vena comica che aveva impresso a ciò che aveva pensato come una sorta di favola morale. Si tratta della storia di Henderson, comunissimo e noiosissimo miliardario americano a cui sono piovute tutte le fortune del mondo e che a cinquantacinque anni è oppresso da un senso di noia e di insoddisfazione tale da decidere di mollare tutto e partire per l’Africa aggregandosi a una coppia di amici in viaggio di nozze. Reduce di guerra, alle spalle due matrimoni, stravagante allevatore di porci, temperamento sanguigno, in realtà ben presto si rivela come un personaggio a tutto tondo, per niente appiattito dal ruolo sociale che la sua biografia gli impone. Incontentabile e roso da una vocina interna che gli sussurra: “Voglio”, non riesce a darsi una collocazione nel mondo. Giunto in Africa si separa dalla coppia e prosegue in solitaria il suo viaggio affidandosi a una fedele guida locale. E qui inizia il bello. L’Africa si trasforma in una dimensione mitica, fatta di paesaggi da agenzia di viaggio e popolata di tutta la trasfigurazione occidentalizzante di cui siamo capaci solo noi. Iniziano le peripezie e con essa la comparsa di strampalati personaggi quasi fossimo alla corte del re dei viaggi, Swift, con il suo Gulliver. E proprio la corte è uno dei luoghi centrali in cui si sviluppano le due vicende principali. Il nostro eroe della modernità irrompe in un mondo, sì trasfigurato dai suoi stessi schemi mentali, ma anche vivo e vero e che lo sottopone a una serie di prove da superare, spesso con esito fallimentare e pericoloso per la sua stessa sopravvivenza. Non vado oltre a incuriosire il prossimo lettore di Bellow, di questo Bellow. Urge solo dire che è una godibilissima lettura gestita da uno stile plasmato, oserei dire quasi cesellato, capace di alternare il registro comico con quello lirico in una sintesi magistrale atta a suscitare anche nel più distratto avventore almeno un perché.


Siti

 
©2006 ArteInsieme, « 011265065 »