Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Aforismi e magie, di Alda Merini, edito da BUR e recensito da Laura Vargiu 23/02/2022
 
Aforismi e magie – Alda Merini – BUR – Pagg. VII-185 – ISBN 9788817070454 – Euro 11,00


Aforismi a mo’ di versi


I poeti sanno/ quando devono/ smettere di scrivere”: si chiude con queste parole di grande saggezza il libro dal titolo Aforismi e magie dell'indimenticabile Alda Merini, tra le massime voci poetiche italiane del secolo scorso, e non solo.
Pubblicato da Rizzoli in prima edizione nel 1999 (precedendo così di dieci anni la scomparsa dell'autrice), esso raccoglie non soltanto testi poetici veri e propri, alcuni in modo particolare di notevole bellezza e profondità, ma soprattutto una nutrita serie di aforismi – “il meglio” sottolinea Benedetta Centovalli, all'epoca alla direzione letteraria della casa editrice lombarda – comparsi a partire dall'inizio degli anni Novanta per lo più in diverse edizioni fuori commercio e in tiratura assai limitata; si trattava delle numerosissime plaquette edite pressoché artigianalmente da Pulcinoelefante, minuscola realtà editoriale con sede a Osnago (in provincia di Lecco) a cui nel 1982 aveva dato vita Alberto Casiraghi, classe 1952, scrittore e illustratore.
Non a caso, la raccolta in questione è impreziosita proprio dai disegni di quest'ultimo, che la stessa Merini considerava “uno dei più originali pastellisti del Novecento”. Un connubio artistico e umano, il loro, assai fecondo che ha creato oltre cinquecento piccole preziose pubblicazioni, addirittura esposte in mostra al Castello Sforzesco di Milano in anni passati.
La lettura di questi aforismi, riportati a mo' di versi, è molto piacevole e scorrevole, sebbene tanti fra essi invitino spesso a soffermarvisi più a lungo e a riflettere. Come afferma la Centovalli nella sua nota introduttiva, quella della Merini, anche stavolta, si rivela una scrittura capace di “imprigionare in una breve frase tutta l'armonia o tutto il disincanto del mondo.”
Una scrittura, a seconda dei casi, intrisa pure di ammirabili ironia e senso dell'umorismo che sembrano scandagliare e prendere in giro la vita, a dispetto delle amarezze, disillusioni e torti che essa immancabilmente non ci risparmia. Un buon numero di scritti è riservato alla Poesia e ai poeti, un altro all'amore, pure con qualche nota erotica, così come non vengono dimenticati follia e malattia in generale, Dio e la religione, tempo e morte attraversando le stagioni dell'esistenza.
Tra i tantissimi che ho apprezzato, cito i seguenti:

Ho il colon
ustionato
dai versi.”

Io amo
ciò che non
si dice.”

La casa della Poesia
non avrà mai porte.”

Non cercate
di prendere i poeti
perché vi scapperanno
tra le dita.”

Anche la follia
merita i suoi applausi.”

Lo sconforto
non tiene mai conto
del firmamento.”

Non esiste
né un principio
né una verità:
l'unica cosa che può fare l'uomo
è di sopravvivere all'universo.”

È un filosofo puro il poeta,
che va sulle montagne
a cogliere l'ultima stella.”

Consiglio a tutti di farsi dono di questa lettura, un doveroso omaggio alla Poetessa dei Navigli.


Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 011934681 »