Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Klara e il Sole, di Kazuo Ishiguro, edito da Einaudi e recensito da Katia Ciarrocchi 26/03/2022
 
Klara e il Sole – Kazuo Ishiguro – Einaudi – Pagg. 250 – ISBN 9788806248758 – Euro 19,50



È il primo libro che leggo (in verità ascolto su Audible) di Kazuo Ishiguro e ne rimango folgorata, una scrittura che rapisce.
La protagonista è la stessa voce narrante, Klara un’intelligenza artificiale dall’aspetto umano, una macchina dalle capacità singolari, Klara fa parte degli AA, macchine costruite per accompagnare e aiutare gli adolescenti verso l’età adulta, ma soprattutto sono una compagnia per combattere la solitudine che accomuna i giovani.
Un mondo quello che Kazuo Ishiguro fa vedere attraverso gli occhi di Klara, non lontano dalla realtà, un mondo che ci vuole sempre perfetti come nel mondo di Klara e il Sole, dove gli adolescenti vengono “potenziati”, un editing genetico non privo di rischi per aver accesso a un’istruzione che porteranno a ruoli professionali di alto profilo.
Klara e il Sole è una lettura che porta a tante riflessioni soprattutto di natura etica, l’autore mostra il filo sottile che accomuna l’essere umano alle macchine e quando questo possa degenerare con pochissimo.
Klara e il sole è un romanzo distopico, che a mio avviso è più vicino a una realtà prossima di quanto possiamo immaginare
Un romanzo originale e molto intenso, dalla narrazione lenta ma accattivante nello stesso tempo, una lettura che ho apprezzato moltissimo e mi ha permesso di conosce un autore notevole, incuriosendomi e sicuramente leggerò altro della sua produzione letteraria.


Citazioni tratte da: Klara e il Sole

Certe volte, – disse, – in momenti speciali come quello, la gente prova un dolore insieme alla felicità. Mi fa piacere che tu osservi tutto quanto così attentamente, Klara.

Ma in seguito a ulteriori osservazioni, mi accorsi che se anche gli argomenti pericolosi venivano evitati – i compiti assegnati a Josie, o il suo punteggio in materia di interazione sociale – la sensazione di disagio poteva verificarsi lo stesso, perché aveva a che fare con qualcosa che accadeva a prescindere; che insomma gli argomenti pericolosi erano di per sé strategie adottate dalla Madre per suscitare determinate emozioni nella mente di Josie.

Al tempo stesso, ciò che mi diventava ogni giorno più chiaro era fino a che punto gli umani, pur di evitare di sentirsi soli, potessero compiere manovre molto complesse e pressoché incomprensibili…

Una terra divisa da recinzioni è così provvisoria. Si possono cambiare le cose con la facilità con cui si cambia un fondale di scena.

sento il desiderio di mettere in fila tutte le persone che ho trattato in modo indegno, di schierarle una dopo l’altra. Poi vorrei passarle in rassegna, sai, come potrebbe fare un sovrano. A una a una, stringere loro la mano, guardare ciascuno negli occhi e dire, mi dispiace tanto, sono stata così cattiva.

Rick e Josie erano destinati ad andare ciascuno per la sua strada, e ciononostante capisse che il loro amore sarebbe durato comunque.



Katia Ciarrocchi



www.liberolibro.it






 
©2006 ArteInsieme, « 011945410 »