Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Le relazioni pericolose, di Pierre Choderlos De Laclos, edito da Garzanti e recensito da Laura Vargiu 19/02/2023
 
Le relazioni pericolose – Pierre Choderlos De Laclos – Garzanti – Pagg. XVI-379 – ISBN 9788811361824 – Euro 9,00


Il fascino del male



Pubblicato nel 1782, "Les liaisons dangereuses" si rivela fin dalle prime pagine un romanzo epistolare a dir poco coinvolgente.
L’autore, Pierre- A.-F. Choderlos de Laclos (1741-1803), era un militare con la passione letteraria; passione che, tuttavia, per quanto sincera, non andò al di là di una produzione rimasta assai modesta, eccezion fatta per quest’opera che, dopo decenni (forse addirittura un secolo!) di aperta condanna sociale e censura da parte dei tribunali, è stata finalmente riconosciuta come il suo capolavoro.
In centosettantacinque lettere, di cui si compone il libro, s’intrecciano le voci di diversi personaggi (tra i quali spiccano da subito due nobilastri, la marchesa di Merteuil e il visconte di Valmont, ex amanti e degni compari di libertinaggio) che danno vita a una narrazione ricca di intrecci e relazioni appunto pericolose; man mano che essa procede si svela il marciume e la dissolutezza di un’epoca, incarnati proprio dai due protagonisti che, cinici e spietati, travolgono e calpestano tutto in nome del vizio più sfrenato; sono presenti alcuni passaggi in cui, sebbene il linguaggio utilizzato non sia di certo esplicito né tanto meno volgare, si resta sconcertati per ciò che viene espresso dal momento che si è di fronte anche all’abuso sessuale reiterato al punto di circuire totalmente la vittima (Cécile, un’adolescente da poco uscita dal collegio).
Attraverso una trama e uno stile di scrittura che catturano il lettore, Laclos punta severamente il dito contro la corruzione dei costumi e l’ipocrisia dell’alta società del suo tempo. Alcuni passaggi risultano forse un poco pesanti, ma nel complesso, si rimane stupiti dalla straordinarietà di questo romanzo di fine Settecento, per lungo tempo bollato e liquidato come scandaloso senza riconoscerne l’intento moralistico.
Lettura molto consigliata, soprattutto agli amanti della letteratura francese!

"Per quel che serve un marito; uno vale l'altro;
e il più scomodo è sempre meno fastidioso di una madre."


Laura Vargiu


 
©2006 ArteInsieme, « 013826594 »