Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Letteratura  »  Felix Luis Viera e la poesia di un esiliato, di Gordiano Lupi 18/07/2007
 

Felix Luis Viera e la poesia di un esiliato

di Gordiano Lupi 

 

Ricevo da Felix Luis Viera, poeta cubano residente in Messico, due poesie tratte dalla racolta inedita La patria es una naranja (La patria è un’arancia) e le traduco volentieri per far apprezzare ancora di più il lavoro di uno scrittore già noto in Italia per il bel romanzo Il lavoro vi farà uomini (L’ancora del Mediterraneo, 2006). Felix Luis Viera pubblicherà con Edizioni Il Foglio il romanzo breve Hotel Inghilterra, un affresco senza retorica su come si vive nella Cuba del periodo speciale. Le poesie che presento sono state già pubblicate dalla rivista letteraria spagnola Ariadna.

 

Del poemario inédito La patria es una naranja.

                                                    

1.

 

Bajo esta llovizna

en medio de este frío

entre estas calles anchas y arboladas

brillantes por el asfalto negro

¿se habrá de detener tu corazón?

¿Se detendrá tu corazón dentro del Gran valle?

¿Regresarás a la patria convertido en una bolsita de cenizas?

Inerte, ¿harán volar tu corazón hecho cenizas

cual pájaro hecho cenizas

por sobre la inmensidad el Golfo

hasta la tierra donde una vez tú cantabas?

¿Habrá de detenerse tu corazón dentro de este frío donde siempre

es medianoche?

Junto a esta grisura de los árboles

del atardecer

de la avenida tuya de cada día

¿habrá de detenerse una agrisada tarde tu corazón?

tu tan jodido corazón

tu corazón lleno de bilis

tu corazón con tantas muescas de derrotas

¿habrá de detenerse

bajo la densidad de este cielo,

pisoteado por la lluvia ácida,

envuelto en la densa capa del olvido?

                                                                                                                        México, DF., agosto de 1997.

 

1.

 

Sotto questa pioggerellina

in mezzo a questo freddo

tra queste strade larghe e alberate

che splendono di asfalto nero

dovrà fermarsi il tuo cuore?

Si fermerà il tuo cuore nella Gran Valle?

Tornerà alla patria trasformato in una borsetta di ceneri?

Immobile, lasceranno volare il tuo cuore fatto cenere

come un uccello diventato cenere

sopra l’immensità del Golfo

fino alla terra dove una volta cantavi?

Dovrà fermarsi il tuo cuore in mezzo a questo freddo dove sempre

è mezzanotte?

Insieme a questo grigiore degli alberi

al tramonto

della tua strada di ogni giorno

dovrà fermarsi il tuo cuore in un pomeriggio grigio?

Il tuo cuore così rovinato

il tuo cuore pieno di bile

il tuo cuore con tante ferite di sconfitte

dovrà fermarsi sotto la densità di questo cielo,

calpestato dalla pioggia acida,

avvolto nella densa cappa dell’oblio?

 

(traduzione di Gordiano Lupi)

 

 

 

2.

 

Mis hijos me envían cartas como si el hijo fuera yo,

me aconsejan que no beba, que fume poco, que no salga en las noches.

que escuche rancheras y corridos

en soledad.

Un año sin ver a mis hijos tiene el peso de todas las guerras,

me ha matado mil veces,

un millón de veces he visto mi sangre correr por los tragantes.

Mi hijo es dorado como una espiga dorada

y sus ojos tienen el color emergente después de la furia,

él ha sido tierno y cuando tenía 9 años

yo le escribí un poema pidiéndole que nunca abandonara esa ternura

y así lo hizo,

él fue mi gran amigo y me enseñó a jugar como yo no sabía

y hoy seguimos siendo amigos y si ya no podemos jugar juntos

nos escribimos cartas con las reglas del juego que vendrá,

estamos tan seguros de la esperanza que ya no nos importa la esperanza.

La voz de mi hija se escucha por doquier en la enorme ciudad,

es la voz de tantas muchachas y del Primavera que canta en el fresno

y son sus ojos los del colibrí que a diario viene a saludarme en la ventana,

yo he visto su voz en los cientos de aviones que parten el cielo de la noche

he escuchado sus ojos

en los violines que dictan la penúltima lágrima

En mis cartas le he dicho que se cuide de los poetas de la patria

que se cuide de los poetas,

son los poetas los que afirman que la patria es una naranja

son los hacedores de nuevos emblemas

son entes peligrosos que anidan debajo de los nidos

son veleidosos, promiscuos, inconstantes

y siempre se hallan seguros de amar a la hija del poeta,

pero son también le digo quienes saben fabricar la pólvora que salva las

heridas,

son los que aman.

En mis cartas le aviso

que se cuide del Cuervo:

que le obedezca

que le asienta

las barbas del Cuervo están teñidas de azul

y con ellas el caza a las muchachas que andan en busca de su príncipe,

y con sus ojos rojos

mata.

Mi hijo y mi hija

nunca han tenido una pecera.

 

 

 

 

                                                                                                                                                           México, DF, julio de 1996

 

 

 

2.

 

I miei figli mi scrivono lettere come se il figlio fossi io,

mi consigliano che non beva, che fumi poco e che non esca di notte,

che ascolti canzoni messicane

in solitudine.

Un anno senza vedere i miei figli ha il peso di tutte le guerre,

mi ha ucciso mille volte,

un milione di volte ho visto il mio sangue scorrere per le condutture.

Mio figlio è biondo come una spiga dorata

e i suoi occhi hanno il colore che viene fuori dopo la tempesta,

lui è stato tenero e quando aveva nove anni

scrissi una poesia chiedendogli che non abbandonasse mai questa tenerezza

e così ha fatto,

lui è stato mio grande amico e mi ha insegnato a giocare come non sapevo

e oggi continuiamo a essere amici e pure se non possiamo più giocare insieme

ci scriviamo lettere con le regole del gioco che verrà,

siamo così sicuri della speranza che non ci interessa più la speranza.

La voce di mia figlia si sente ovunque nella enorme città,

è la voce di tante ragazze e della primavera che canta nel frassino

e sono i suoi occhi quelli del colibrì che ogni giorno viene a salutarmi alla finestra,

ho visto la sua voce nei cento aerei che tagliano il cielo della notte

ho ascoltato i suoi occhi

nei violini che dettano la penultima lacrima.

Nelle mie lettere le ho detto che stia attenta ai poeti della patria

che stia attenta ai poeti,

sono i poeti quelli che affermano che la patria è un’arancia

sono i fabbicanti dei nuovi emblemi

sono tipi pericolosi che si nascondono sotto i nidi

sono volubili, ambigui, incostanti

e sempre sono sicuri di amare la figlia del poeta,

però le dico che sono anche coloro che sanno fabbricare la polvere che evita le ferite,

sono quelli queli che amano.

Nelle mie lettere le raccomando

che stia attenta al Corvo:

che gli obbedisca

che gli dica sempre di sì,

le barbe del Corvo sono tinte di azzurro

e con esse caccia le ragazze che cercano il loro principe,

e con i suoi occhi rossi

uccide.

Mio figlio e mia figlia

non hanno mai avuto una vasca.

 

(traduzione di Gordiano Lupi)

 

Felix Luis Viera è nato a Santa Clara (Cuba) nel 1945. Ha pubblicato le raccolte di poesie Una melodia sin ton ni son bajo la lluvia (Premio David di poesia dell’UNEAC 1976, Ediciones Unión Cuba), Prefiero los que cantan (Unión, 1988) e Cada dia muero 24 horas (Letras cubanas, 1990), Y me han dolido llos cuchillos (Editorial Capiro, Cuba, 1991). Ha pubblicato le raccolte di racconti Las llamas en el cielo (Unión, 1983), En el nombre del hijo (Letras cubanas, 1983 – Premio della critica), e Precio del amor (Letras cubanas, 1990). Ha pubblicato i romanzi Con tu vestido blanco (Unión, 1988 – Premio UNEAC e Premio della critica), Serás comunista, pero te quiero (Unión, 1995), Un ciervo herido (Editorial Plaza Mayor, Puerto Rico, 2003 – tradotto in Italia come Il lavoro vi farà uomini, Ancora del Mediterraneo, 2006), Inglaterra Hernández (Ediciones Universidades Veracruzana, 1997 – in attesa di pubblicazione italiana per i tipi del Foglio Letterario). Il libro di racconti Las llamas en el cielo (purtroppo inedito in Italia) è considerato un classico della letteratura cubana e ha ricevuto il premio della critica del suo paese, massimo riconoscimento per un’opera letteraria. A Cuba ha diretto la rivista culturale Signos, è stato tradotto in diversi paesi europei e pubblicato in America Centrale e in Sudamerica. Ha fatto discutere con il romanzo - denuncia sulle Umap (centri di rieducazione per antisociali operativi in Cuba negli anni Sessanta) che ovviamente è inedito in patria. Ha terminato un romanzo inedito di ampio respiro come El corazón del rey che racconta i primi anni dell’instaurazione del socialismo a Cuba. Un’opera che meriterebbe anche in Italia di vedere la luice con un editore adeguato. La raccolta di poesie inedita La patria es una naranja è ispirata alla sua permanenza in Messico da esiliato e riflette tutta la nostalgia per la patria lontana.

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09454836 »