Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Il cantore di Napoli, di Ida Guarracino 26/07/2007
 

Il cantore di Napoli   

di Ida Guarracino

 

 

Nel 1914, mentre in Europa inizia quella che sarà chiamata la prima guerra mondiale, a Napoli un autore già famoso si accinge a pubblicare alcuni dei testi più importanti della sua storia letteraria.

Salvatore Di Giacomo a 54 anni entra nella grande editoria con Novelle Napoletane, pubblicate da Treves e con la prefazione di Benedetto Croce.

Giornalista, bibliotecario, scrittore di drammi dialettali e di novelle in lingua che s'ispirano a un naturalismo liricizzato, cultore in pregevoli studi di storia della cultura cittadina (specialmente settecentesca), Di Giacomo è soprattutto l'autore dei migliori versi che si abbiano in dialetto napoletano, alcuni dei quali composti per il festival di Piedigrotta e perciò divenuti popolarissimi nel solco della melodia che li accompagna.

Ma la bibliografia ufficiale spesso dimentica il volumetto edito a Napoli da Perrella, lo stesso anno dal titolo Luci ed ombre Napoletane.

E' una raccolta di alcuni scritti già editi negli anni precedenti, ma ormai già nel 1914 di grande rarità.

Di questi piccoli saggi Di Giacomo pensa opportunamente ad una raccolta e viene così alla luce questo libro in piccola ed elegante veste editoriale.

Gli argomenti sono i più vari e si occupano della storia di Napoli,  della piccola cronaca e di piccole storie, degli elenchi di nomi, di fatti, di strade, di taverne, di giornali, tutti elementi con cui si riesce a inquadrare la vera vita di una città o di una nazione.

Onore, quindi,  al nostro Di Giacomo che, oltre ai famosi versi che tutti conoscono sotto forma di canzoni e di poesie, ci ha lasciato testi di indubbia importanza nell'ambito saggistico.

Salvatore Di Giacomo ha scritto di Napoli tutto quel che un poeta poteva, in un dolente e affascinante ritratto della sua città; ha narrato di amori furenti, di abbandoni, di scene di silenziosa miseria, di turpitudini della malavita, ma anche dell'eleganza della classicità napoletana.

E' come se egli avesse dato voce e solennità alla secolare poesia della sua città, non a caso raggiungendo le massime espressioni in quelle che furono da sempre le sue intrinseche forme d'arte: la canzone e il teatro.

"Nu pianefforte 'e notte/sona luntanamente/e ' a museca se sente/pe ll'aria suspirà/....................

L'anema mia surtanto/ rummane a sta fenesta/ Aspetta ancora .E resta/ ncantannose a penzà"

 

La flessuosità musicale unica.......

 

Na tavernella

 

Maggio na tavernella

ncopp'Antignano'addore

d'anèpeta nuvella;

' cane d'o trattore.

 

 

 

 

...............................

Stammo a na tavulella

tutti e dduie.Chiano chiano

s'allonga sta manella

e mm'accarezza 'a mano.

 

SUCCESSI

Nannì!... (1882), 'A capa femmena (1883), Napulitanata (1884), Nun ce simmo, Nannì! (1884), ' - Era de maggio (1885), Oje Carulì (1885), Oje ' marenà (1885), Statte, Peppì (1885), Marechiare '(1885), Maria (1886), Oilì oilà (1886), 'A re fit. tirata (1887), Luna nova (1887), Mena, ! (1887), Munasterio (1887), A novena (1888),. Bonnì! bonnì (1888), Dimane t"o ddico... (1888), 'E ccerase (1888), 'E spingole frangese (1888), Lariulà (1888), Canzona amirosa (1889), E vota e gira (1889), Tiritì-tiritombolà (1890), All'erta sentinella (1890), A Capemonte (1890), A ritirata d"e marenare (1890), A signora luna (1892), Catari (1892), Carcio f f olà (1893), I' pe' te moro! (1893), L'appuntamento (1894), A cammisa affatata (1895), A speranzella (1895), 'E trezze 'e Carulina (1895), Matale (1895), 'O punticcio (1895), 'O campaniello (1896), A sirena (1897), Don Carluccio (1897), Serenata napulitana (1897), 'E tre terature (1898), Dimane... chi sa? (1901), Ma chi sa? (1905), Tu nun me vuò cchiù bene! (1906), Bella ca 'e tutte 'e belle (1907), Palomma 'e notte (1907), Canzone a Chiarastella (1912) Serenata a na vicina (1913), Mierolo affurtunato (1931), Canzone mbriaca (1932), ed altre.

 

MARECHIARE

 

Quanno sponta la luna a Marechiare

pure li pisce nce fann' a l'ammore,

se revotano l'onne de lu mare,

pe la priezza cagneno culore

quanno sponta la luna a Marechiare.

 

A Marechiare nce sta na fenesta,

pe' la passione mia nce tuzzulea,

nu carofano adora int'a na testa,

passa l'acqua pe sotto e murmuléa,

A Marechiare nce sta na fenesta

Ah! Ah!

A Marechiare, a Marechiare,

nce sta na fenesta.

 

Chi dice ca li stelle so lucente

nun sape l'uocchie ca tu tiene nfronte.

Sti doje stelle li saccio io sulamente.

dint'a lu core ne tengo li ponte.

Chi dice ca li stelle so lucente?

 

Scetate, Carulì, ca l'aria è doce.

quanno maie tanto tiempo aggio aspettato?

P'accompagnà li suone cu la voce

stasera na chitarra aggio portato.

Scetate, Carulì, ca l'aria è doce.

Ah! Ah!

O scetate, o scetate,

scetate, Carulì, ca l'area è doce

 

Eppure Di Giacomo in un articolo di giornale scrisse che solo dopo molti anni si recò a Marechiaro su una barca a vela portando un ospite inglese, per vedere quei lidi che aveva cantato e celebrato nelle sue canzoni.

E' un poeta senza tempo che può essere accostato ai lirici greci per purezza e musicalità; la sua voce partendo dal microcosmo dei vicoli ha cantato le sillabe, lasciando al lettore l'accesso all'immaginazione dei luoghi, dei gesti, di tresche amorose, di passioni, e quindi le sue realtà sono disegnate nelle note di un linguaggio talvolta universale.

La letteratura dialettale, dopo di lui, scivola in una fioca agonia.

La sua arte (anche di novelliere e autore di teatro )

si muove fra verismo e lirismo, ma è ricca di mezzi toni e di sfumature, che lo faranno definire, di volta in volta, lirico-drammatico, lirico-epico, o, da lui stesso, verista-sentimentale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09720175 »