Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Il sentiero dei nidi di ragno, di Italo Calvino, edito da Mondadori e recensito da Katia Ciarrocchi 28/03/2024
 

Il sentiero dei nidi di ragno - Italo Calvino - Mondadori - Pagg. 228 - ISBN 9788804772132 - Euro 13,00



Italo Calvino, con "Il sentiero dei nidi di ragno", ci conduce attraverso la realtà distorta della Seconda Guerra Mondiale, offrendo una prospettiva sulla resistenza partigiana e sulla vita in un mondo sconvolto dalla violenza e dalla paura.
La trama si sviluppa attorno al giovane Pin, un bambino, il cui mondo innocente viene sconvolto dall´arrivo della guerra, Calvino attraverso Pin, affrontando il tema della crescita in un contesto così avverso. La scelta di focalizzare la storia su un bambino offre un punto di vista diverso, rendendo il lettore partecipe delle paure infantili e delle riflessioni sottili che emergono durante il caos della guerra.
Il titolo stesso, "Il sentiero dei nidi di ragno", suggerisce una rete intricata di percorsi a ostacoli, metafora perfetta per la complicata realtà in cui Pin si trova intrappolato. Calvino, con la sua prosa cristallina, riesce a catturare l´essenza di ogni momento, trasformando il quotidiano in straordinario. L´abilità dell´autore nel combinare realismo e surrealismo crea un´atmosfera unica, in cui la linea tra il reale e l´immaginario diventa sottile.
Uno degli aspetti più potenti del romanzo è la rappresentazione della resistenza partigiana; infatti, Calvino dipinge i partigiani come figure eroiche, ma allo stesso tempo umane, vulnerabili e imperfette. Questo approccio contribuisce a una narrazione più sfumata, lontana dalla stereotipizzazione spesso presente in altre opere sulla guerra.
La lotta per la libertà si svela come un terreno fertile per le contraddizioni umane, portando il lettore a riflettere sulle ambiguità etiche presenti nelle situazioni di conflitto.
La struttura narrativa è altrettanto intrigante, con Calvino che gioca con il tempo e lo spazio, mescolando eventi passati e presenti in un modo che richiede l´attenzione attiva del lettore.
"Il sentiero dei nidi di ragno" è quindi molto più di una semplice testimonianza storica; è un viaggio attraverso la psiche umana, una riflessione sull´innocenza perduta e sulla formazione di una coscienza in un mondo caotico. Calvino ci invita a esplorare i recessi più profondi della nostra umanità, rendendo questa opera unica e indimenticabile.


Katia Ciarrocchi


www.liberolibro.it


 
©2006 ArteInsieme, « 014147464 »