Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Il fango sotto le scarpe, di Santosh Alex, edito da Il Cuscino di Stelle e recensito da Alessandro Ramberti 28/03/2024
 

Il fango sotto le scarpe - Santosh Alex - Il Cuscino di Stelle - Pagg. 66 - ISBN 9791280659620 - Euro 10,00


Prefazione di Alessandro Ramberti


"La poesia per me / è la sposa del villaggio"



I versi posti a titolo di questa prefazione sono tratti da La poesia per me. Manca l´ultimo verso della poesia: "innocente, umile e bella". Possiamo dire che Alex Santosh è un poeta del ricordo e della quotidianità, degli affetti e dell´attenzione responsabile a quanto ci circonda: il passato viene confrontato con i mutamenti del presente, non sempre positivi se si considera il poco rispetto per l´ambiente, il dilagante inquinamento con il conseguente cambiamento climatico, le violenze e le guerre che costellano il pianeta. Il villaggio del poeta ne rappresenta anche le radici ed è a questo proposito significativa l´intensa poesia Fango che apre la raccolta: "Dal mio villaggio / mentre raggiungo la città / il fango cambia. / Il fango in città / si limita al vaso di fiori. / Il fango nel villaggio / si attacca alle mani e alle gambe; / la sua fragranza rimane. / Fango, / è il mio respiro / la mia forza / la mia identità". Resta impresso il bellissimo ossimoro: "Fango, / è il mio respiro."

Ritornare al villaggio significa scoprire che il verde si sta riducendo e le "piante medicinali / ora si trovano nei libri di testo" (Progresso); che l´uomo "moderno" che vive in città al decimo piano "con il suo ego non è più un uomo / ma è diventato un bonsai." (Nano); che "Il fiume che era solito inondare e scorrere / Ora appare come latte sparso" (Il mio villaggio); che "I campi sono aridi / I ruscelli si sono prosciugati / I fiori appassiscono / Le foglie sono silenziose" (Carestia).

Struggente la poesia Inerme: "Aveva lavorato sodo anche quella volta / (...) / La pioggia improvvisa / Aveva rovinato il raccolto. // (...) Si asciugò il sudore / con l´asciugamano / e andò verso il fiume. / Si stese / sulla sabbia in riva al fiume / sì tirò del fango sul petto / e pianse / Tutte e quattro le direzioni tremarono // La mattina seguente / Quando i bambini andarono a giocare / videro un buco profondo / e un asciugamano."

Lo sguardo del poeta si cala empaticamente nel vissuto dei famigliari, in quello degli amici di sangue o di penna, considera gli avvenimenti di un mondo intriso di ingiustizie e sopraffazioni: "Il giornale / È una marcia silenziosa / di ieri inquietanti." (Giornale).

Al tempo stesso Santosh sa individuare i semi della bellezza, di una misericordia trascendente, non tanto in cose eclatanti, ma nei piccoli gesti di attenzione per le persone care, per i poveri, i malati, i vecchi dimenticati: "ho tenuto / tutte le parole per te / che non vengono usate da anni" (Radha e Krishna); "Lui sa che / giunto il mo-mento. /Fegato, reni, occhi / ogni organo sta collassando. // (...) Ha indicato l´acqua. / Ha bevuto un sorso / Ed è caduto sul mio petto. // Era preparato / E tu...?" (Cancro).

Santosh è immerso nel mondo e nella vita reali, le sue parole sono un invito discreto e diffusivo a prendercene cura, a ravvivare quei sentimenti di fratellanza che ci fanno sentire sulla stessa barca, corresponsabili di una terra che ha bisogno del contributo di tutti noi per non diventare arida sia in senso climatico che spirituale.

I poeti come lui ci donano versi scritti col sangue che sanno alimentare la speranza, incitarci a fare del nostro meglio perché puntano in alto e come "Le colombe si alzano in volo" (v. Poeta).


 
©2006 ArteInsieme, « 014147237 »