Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Letteratura  »  Carlo Bordoni ha recensito Chiudi gli occhi, di Silvana Giacobini – Cairo Editore 06/12/2007
 

Silvana Giacobini

CHIUDI GLI OCCHI

pp. 480, € 18,50, Cairo Editore, Milano, 2007

 

Chiudi gli occhi è un romanzo ambizioso: alla severità e alla documentazione di un romanzo storico vuole unire la suspense di un giallo e la lievità di una fiction attuale. Difficili da tenere insieme, nello stesso testo, soprattutto se il collante che le unisce è una dote soprannaturale di “veggente”, che sgomenta e tormenta la protagonista, Chiara Bonelli, giovane giornalista televisiva; fragile ma determinata a risolvere il mistero delle apparizioni.

L’autrice, Silvana Giacobini, giornalista e ben noto volto televisivo, si destreggia bene nel tenere in piedi l’impianto narrativo, alternando il presente col passato, la cui cupezza incombe continuamente e pare irrompere dalla pagina scritta.

I due piani su cui è giocato l’intreccio sono distanti mezzo secolo l’uno dall’altro: il primo riprende la storia dimentica di Livia Colonna della Rovere, nobildonna uccisa nel suo castello di Zagarolo dal genero Pompeo Colonna. Il secondo è la complessità della realtà contemporaneo, dove s’intrecciano problemi quotidiani, una torbida vicenda d’intrighi economici e di riti satanici, giochi di potere e violenze, in cui la giovane protagonista s’immerge con la determinazione e l’ingenuità tipiche dei neofiti. Il filo conduttore, abilmente intessuto e lasciato trapelare con delicatezza, è costituito dal tema della violenza sulle donne, una costante che si dimostra valida storicamente e, purtroppo, sempre attuale (come dimostra il caso di Lucetta e di suo figlia Anna Maria).

Una storia coinvolgente, che si dimostra di notevole qualità narrativa e di grande impatto emotivo proprio nella parte storica, quella più originale e destinata a imprimersi durevolmente nella fantasia del lettore.

 

Carlo Bordoni

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09454916 »