Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Gordiano Lupi ha recensito Actarus, di Claudio Morici – Edizioni Meridiano Zero 13/12/2007
 

Claudio Morici

ACTARUS

La vera storia di un pilota di robot

Merdiano Zero – Pag. 225 – Euro 8,00

 

Era tanto che non mi imbattevo in un romanzo italiano così originale e diverso dai soliti cliché del giallo, del noir - ma mi raccomando poco sangue siamo italiani - dell'ispettore che indaga con la pancia piena e il libro di ricette sul tavolo. Bravo Morici, che mi hai fatto tornare la voglia di leggere autori italiani dopo tanti cubani, che ti sei spinto a esplorare un genere nuovo, inventato per l'occasione, una sorta di fantascienza ironica corretta al manga e al generazionale. Actarus è un libro a dir poco geniale che strizza l'occhio agli appassionati di cartoni animati giapponesi per il rigore con cui l'autore descrive i personaggi presi a prestito dalla serie Ufo Robot. Actarus è un pilota di robot nevrotico che beve trenta Peroni al giorno e sogna di tornare sulla natia stella Fleed, dove la vita è una festa e le donne sono sempre pronte a fare l'amore. Alcor è il suo compagno di battaglia ma è pure un ex alcolizzato depresso che a tempo perso se la fa con la bella e disponibile Venusia. Il Dottore guida la base spaziale della Fattoria contro gli attacchi di Vega e Roberta è una pacifista anoressica che a un certo punto apre gli occhi ad Actarus. Non tutto è come sembra, però, e il finale a sorpresa è assicurato.

Claudio Morici è nato nel 1972, fa parte di una generazione che è cresciuta con i cartoni animati giapponesi, soprattutto Goldrake, Mazinga Z, Daitan 3, che riempivano i palinsesti televisivi serali e pomeridiani. Il romanzo è un omaggio a un genere popolare di cartoni animati, ma i personaggi sono modificati in senso umano per realizzare una feroce critica alla società contemporanea. Morici affonda la penna per analizzare una generazione che comunica soltanto per e-mail, usa smodatamente il telefonino e si conosce usando le chat. Il romanzo è una metafora sul lavoro ripetitivo che produce alienazione, anche se nella realtà non ci sentiamo inutili alla guida di un robot ma stando seduti otto ore davanti a un computer. Lo stile di Morici è perfetto, usa il dialogo come se dovesse scrivere un cartone animato, il lettore si appassiona alla storia e si affeziona ai personaggi. Vai distruggi il male vai è il leimotiv che ci accompagna per 230 pagine di un racconto surreale che l'autore è talmente bravo da rendere credibile. Ecco, questi sono gli sperimentalismi che convincono, usando gli strumenti della narrativa di genere si costruisce un romanzo generazionale, di formazione e di critica sociale. Non è poco. Con buona pace delle balene morte della lombardia, dei kamikaze, dei corpi usati e abusati, delle pancette e dei cani di pavlov targati Einaudi e Feltrinelli.

 

Gordiano Lupi

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09647682 »