Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Letteratura  »  Gordiano lupi ha recensito Il canto dell'upupa, di Roberto Mistretta – Cairo Editore 02/02/2008
 

Roberto  Mistretta

Il canto dell’upupa

Cairo Editore - Pag. 260 euro 15

 

Roberto Mistretta è uno scrittore italiano che ha avuto successo in Germania prima di poter essere pubblicato da un grande editore italiano. Il canto dell’upupa era già uscito in Italia per il piccolo editore siciliano Terzo Millennio nella collana L’Olivo Saraceno, come seconda avventura del maresciallo Bonanno dopo Non crescere troppo (secondo al Premio Fedeli per il miglior poliziesco dell’anno). Adesso esce per Cairo e viene presentato come il primo di una serie di noir che hanno come protagonista il maresciallo dei carabinieri Saverio Bonanno. Roberto Mistretta è padrone dell’arte di raccontare con semplicità, passa dalle storie per ragazzi al giallo e affronta pure  problemi sociali di grande rilevanza. Mistretta costruisce le storie partendo dal sociale e da un’accurata analisi della realtà, il racconto non è mai fine a se stesso, ma racchiude un messaggio importante. Il canto dell’upupa è un romanzo sulla piaga della pedofilia. L’argomento è delicato, ma l’autore lo affronta senza abusare di toni crudi e particolari scabrosi, ma al tempo stesso senza cadere nel patetico. Mistretta fa intuire le nefandezze che accadono e preferisce una strada letteraria alla facile scorciatoia del mostrare a piene mani, se fosse un regista di cinema non sarebbe un Joe D’Amato e nemmeno un Lucio Fulci, ma un ottimo Pupi Avati. L’impacciato e umano maresciallo Bonanno risolve il mistero seguendo le tracce di un ragazzino e di un’upupa, terribile sigla dalle antiche suggestioni letterarie dietro la quale si nasconde un’organizzazione di turpi individui. Le parti più riuscite del romanzo sono quelle in cui il bambino parla in prima persona e confessa le sue paure. Troviamo brani di pura poesia, cose come “l’upupa continuava a nutrirsi della paura di Marcellino” che fanno sopportare la struttura da giallo classico. Il canto dell’upupa è anche una storia del terrore, perché la spirale nella quale viene avvolto il maresciallo Bonanno, mano a mano che la tela del mistero si dipana, non è certo tranquillizzante. Le parti in cui il bambino scrive cose orribili nei compiti di scuola sono narrativa horror di alto livello e il lettore ne esce sconcertato. Da notare un ottimo uso della lingua siciliana, sulla scia di Camilleri, che rende i personaggi più concreti e credibili. Roberto Mistretta è un allievo di Camilleri, ma la sua narrativa risulta più fruibile perché l’uso del dialetto è limitato a termini di facile comprensione. La storia, inutile dirlo, tiene incollati al libro.

 

Gordiano Lupi

 
©2006 ArteInsieme, « 09454923 »