Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Gordiano Lupi ha recensito Lo schiaffo, di Luigi Carletti – Edizioni Baldini Castoldi Dalai. 10/04/2008
 

Lo schiaffo, di Luigi Carletti – Baldini Castoldi Dalai editore – pagg. 350 - € 16,80

 

E' un vero piacere imbattersi in narratori italiani ancora capaci di raccontare storie che trasmettono emozioni. Luigi Carletti, giornalista di carta stampata e multimediale, è uno scrittore con la esse maiuscola, razza che in Italia credevo estinta. Alla larga dai comunisti (2006) era un intenso romanzo di formazione ambientato in una città di mare sferzata dai venti di scirocco e libeccio. Lo schiaffo (2008) è la storia di Eddy Della Nave, regista di origini elbane che sfonda nel mondo del cinema a cinquant'anni e vede cambiare la sua vita. Eddy vive a Roma, fa cinema indipendente, gira porno in Ungheria, pellicole commerciali, corti e lavori mal retribuiti. Il suo agente lo esorta a non mollare, fino al giorno in cui arriva l'idea giusta con La scelta di Alfio, pellicola che lo porta a lottare per rappresentare l'Italia agli Oscar. La vita di Eddy diventa problematica, tra una moglie che vuole un figlio, una ministra che lo insidia sessualmente, un agente ebreo che odia i palestinesi, i parenti elbani che cominciano a considerarlo, gli scrittori arroganti che lo criticano, il passato che torna alla ribalta, i pettegolezzi, le rivalità del mondo cinematografico, le perdite, i dissapori, i tradimenti e i sogni infranti. Eddy è un regista che non vuole aver niente a che fare con il passato che non passa, vuole vivere nel presente, raccontare storie di oggi, di come siamo, magari di come saremo. Eddy è un uomo che vive aggiustando il sapore della vita, sopravvive alle delusioni, alle frustrazioni, alla precarietà negli amori e negli affetti. La madre gli ha insegnato a vivere e a crederci sempre, nonostante si sia spesso sentito un quarantenne sradicato alla ricerca del suo posto nel mondo. La scelta di Alfio nasce proprio durante un soggiorno elbano, alla ricerca delle radici, e viene fuori da tutte le sue insoddisfazioni. Eddy sa di essersi giocato la parte migliore della vita per inseguire un futuro, si volta indietro, vede la strada percorsa e spinge il lettore a fare un bilancio della sua esistenza. Ed è questa la forza di un romanzo che non ha paura di affrontare neppure il tema dell'eutanasia. Lo schiaffo è una commedia amara che ricorda il cinema di Nanni Moretti, soprattutto La messa è finita e Caro diario, ma anche la commedia all'italiana classica, quella che non deve avere per forza un lieto fine, ma che è capace di raccontare grandi storie facendo sorridere.

 

 

                                      Gordiano Lupi

 
©2006 ArteInsieme, « 012063333 »