Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Grazia Giordani ha recensito Mare Notte, di Donatello Bellomo, edito da Mursia 06/11/2008
 

Mare Notte

di

Donatello Bellomo

 

Mare di notte – Donatello Bellomo – Mursia – Narrativa romanzo – ISBN 8842539961 – Pagg. 264 - € 18,00

Comprendiamo la delusione degli appassionati lettori di Conan Doyle, quando l'autore fece morire il suo Sherlock Holmes, poiché è fatale affezionarsi ai personaggi dotati di spiccato carattere, quindi, anche chi ha amato Cédric Detouches (non de plume di Louis Férdinand Céline) e il suo alter ego, il giornalista skipper, usciti dalla penna di Donatello Bellomo, proverà un sentimento diviso a metà tra la gioia di ritrovare i due amati e ironici personaggi e il disappunto di doverli per sempre lasciare, col nuovo romanzo Mare Notte (Mursia, pp.262, euro 18). Infatti, con questo nuovo libro, vestito da un splendida copertina, enigmatica come i suoi contenuti, si chiude la quadrilogia iniziata con L'ultima notte sul Normandie (Sperling & Kupfer), proseguita con L'uomo del cargo e La donna della tempesta, entrambi per i tipi di Mursia. Non è detto che – sull'esempio del grande scozzese che lo ha preceduto, Bellomo, caporedattore culturale delle pagine dell'Arena, non ci ripensi , resuscitando la “complicità esistenziale" tanto tenace con i suoi personaggi.

Protagonista è sempre il mare nel cui ventre si coagulano situazioni arcane. Questa volta è affidato a una polena di donna, ambigua, quanto affascinante – a mio avviso dotata di uno charme maggiore delle sue sorelle in carne ed ossa – il clou del mistero che incuriosirà i lettori, inducendoli a origliare dentro la vita di Detouches, che sotto la scorza della virile ironia sa nascondere insospettate delicatezze e umanità.

Attorno al seducente lupo di mare  si muovono due figure femminili di diversa età:  la mitica Pauline, l'ineffabile dama senza tempo che Detouches ha amato quasi con soggezione, ritenendola “una piccola dea che passeggia in un mondo sbagliato” e la giovane pianista Claudia Ricci, conosciuta nelle drammatiche ore del naufragio del transatlantico Andrea Doria. Attorno ad esse alita un inquietante enigma. Sarà compito del giornalista skipper gettarsi nel ginepraio per svelare il mistero, racchiuso nella polena che si è fatta custode della storia legata al capitano e alla giovane pianista. I lettori, attraverso le inquietudini personali e i rovelli dell'investigatore d'eccezione saranno trascinati in una vera galoppata estenuante, un lungo viaggio, non solo fisico, da La Rochelle a Santa Margherita Ligure, da Parigi a Verona, alla scoperta  di un amore difficile, costellato di sorprendenti dolori. Il lessico bellomiano conserva una cifra parlata, spesso jazzistica, ritmata dal sassofono dell'amato Dexter Gordon o dalla tromba di Chet Baker, per approdare a note vibranti come i soprassalti del cuore.

 

Grazia Giordani

 

Blog: http://curiosa.splinder.com/

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09720187 »