Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Salvo Zappulla ha recensito Il maniaco e altri racconti, di Sergio Sozi, edito da Walter Casini 27/01/2009
 

Il maniaco  e altri racconti

di Sergio Sozi

Walter Casini Editore

www.casinieditore.com

Pagg. 140  € 16,00

 

Sozi è scrittore raffinato, ha una concezione alta della scrittura, non  riuscirebbe a scrivere mai qualcosa di banale. Ne “Il maniaco e altri racconti” sperimenta nuove vie linguistiche che danno al testo assoluta originalità. Se è vero che la letteratura ha una “verità da dire”, Sozi ha inventato una verità tutta sua per dirla, un tourbillon fantastico di girandole comico grottesche lambiccate di alchimie verbali. Coniuga esuberanza e limpidezza come un Gadda  irriverente e frenetico. Ma attenzione a non cadere nell'errore di farne un epigono dei grandi sperimentalisti linguistici (Gadda, D'Arrigo, Landolfi) si rischierebbe di fargli torto. Sozi tenta di imporre in questo libro il suo stile personalissimo, avvalendosi di fondamenta solide e ben strutturate. Al centro dei suoi racconti troneggia la figura di Euterpe Santonastasio, capitano della Compagnia Trieste II, il quale si ritrova a dover districare casi polizieschi al limite del reale: le lettere sentimentali inviate da un ignoto autore, “il maniaco”, un maniaco della scrittura. Niente stragi e spargimento di sangue, né violenze sessuali. Sozi gioca con una scrittura plurilinguistica amalgamando triestino, siciliano, romano e neologismi,  ottenendo risultati efficacissimi. E si rivela ironico, brillante, mai scontato, lontano da un certo manierismo edulcorato. Altro aspetto da non sottovalutare è la ricerca dell'assurdo e del paranormale, come nella storia degli animali parlanti. Assurdo e grottesco si assemblano in una continua ricerca che rende pirotecnici i personaggi inventati, sì da far considerare l'impianto poliziesco semplice artificio letterario ad uso e consumo della materia narrata. Uno scrittore refrattario a certe mode consumistiche, che percorre il proprio filone narrativo con forza, caparbietà e coraggio, da seguire con interesse.  

 

     Salvo Zappulla

 

 
©2006 ArteInsieme, « 012624432 »