Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Una piccola storia ignobile, di Alessandro Perissinotto, edito da Rizzoli e recensito da Grazia Giordani 03/04/2009
 

Una piccola storia ignobile di Alessandro Perissinotto, Rizzoli

Tutte le sfumature del giallo


Non fa meraviglia il buon posto in classifica – decretato dal giudizio dei lettori – guadagnato dal nuovo romanzo di Alessandro Perissinotto. Intendiamo dire che chi legge il genere noir ha saputo esprimere un giustificato interesse poiché Una piccola storia ignobile (Rizzoli, pp.247, euro 17) è un giallo ben costruito, in quanto attraversato anche da risvolti sociali e soprattutto dallo sguardo lungo e acuto di un autore non indifferente ai problemi contemporanei della nostra vita. Vincitore del Premio Grinzane Cavour 2005 per la narrativa con Al mio giudice, l'autore torinese - docente presso la facoltà di scienze dell'Educazione nell'ateneo della sua città – ha confermato la sua brillante capacità di narratore, capace di immedesimarsi nella psicologia femminile di Anna, la protagonista, una psicologa detective per caso, per bisogno di danaro, visto che i suoi guadagni sono esigui, maggiormente ristretti dal divorzio da un marito immaturo, infedele eppure sempre molto presente nei suoi pensieri. Anna, per impellenti necessità economiche accetterà dunque l'incarico di indagare – conferitole da una donna di successo della Milano bene – sulla vita della sorellastra Patrizia, finita sotto le ruote di un‘auto pirata. Il cadavere della sventurata ragazza è scomparso. Questo è il primo grosso mistero che impegnerà l'indagine della nostra psicologa-detective. Seguendo la regola aurea dei gialli di qualità, i sospettati o sospettabili sembrano balzare fuori dalla pagina sotto i nostri occhi, inducendoci a pensar male del dottor Maestri, medico curante di Patrizia ormai in agonia; a diffidare di Imperiale, il datore di lavoro, proprietario della fabbrica presso cui la ragazza prestava servizio; di Pasquale Avvisato, un giovane siciliano di cui parlerà la trasmissione televisiva Chi l'ha visto? misteriosamente scomparso e a sua volta parrebbe legato d'amicizia alla ragazza. Sospettiamo persino di Marco un aitante medico che intreccia una relazione abbastanza squallida con la protagonista della narrazione, incline ad accontentarsi di una storia di ripiego, di un piuttosto che niente, visto che quello che le sembrava essere l'amore vero l'ha lasciata con l'amaro in bocca. E forse dentro l'area della “piccola storia ignobile” vive anche l'umiliazione dei propri sentimenti traditi, dell'accettazione di un lavoro non adeguato per sopravvivere, non adeguato al punto da costringere la nostra detective a scavare nell'arida terra di un'insidiosa periferia, frequentata da malavita e prostitute, alla ricerca di un cadavere scomparso dalla propria bara. Affiancati ad Anna, viaggiamo tra Bergamo Alta, dove la detective divide la vita con la deliziosa micia Morgana – dopo il divorzio da Stefano – e la livida provincia milanese, avvolta da un perenne sudario di nebbia. Proprio qui, nella boscaglia del parco Agricolo Sud di Milano, divideremo con Anna la fisicità della sua paura, quando sola, in piena notte si dedica agli scavi per appurare la verità. A catturare la nostra attenzione non sarà solo l'esame attento dei fatti accaduti che scorrono sotto i nostro occhi come i fotogrammi di un film, ma anche e soprattutto l'analisi psicologica dei personaggi dipinti con uno stile narrativo più che mai avvincente. Anche quelli marginali, minori, posizionati sullo sfondo, hanno un loro carattere ben delineato ed espresso con dialoghi appropriati. I temi della solitudine e dell'incomunicabilità trovano uno spazio esistenziale molto forte nella narrativa di Perissinotto che sembra conoscere a fondo queste voragini dell'animo umano, coagulate attorno alla figura della protagonista che non sa dialogare con la madre da cui si sente disapprovata per il divorzio dal marito, che ha per unica vera amica la sua gatta, insoddisfatta dalla storia di sesso con l'aitante Marco con cui sta ricalcando all'inverso la vicenda che l'ha indotta a divorziare da Stefano. Il finale – dopo gli indizi sapientemente disseminati nella pagina dall'autore – è talmente sorprendente da apparirci un poco anche inverosimile: un vero coup de théâtre quale degna chiusura di una storia così intrigante che ci ha fatto riflettere sui valori alti della vita.

Grazia Giordani

www.graziagiordani.it

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 012625144 »