Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Salvo Zappulla ha recensito Il canto dell'upupa, di Roberto Mistretta, edito da Cairo Publishing 30/04/2009
 

Il canto dell'upupa

di Roberto Mistretta

Cairo Publishing

Narrativa romanzo

Pagg. 253

ISBN: 8860521157

Prezzo: € 15,00

 

 

Con questo romanzo Roberto Mistretta entra da protagonista sulla scena del noir italiano. Lo scrittore di Mussomeli, paesino a due passi dal paese di Camilleri (sarà solo un caso?), imbastisce trame avvincenti, veri dipinti neorealistici, alternando momenti venati di tenera ironia e tinte nere dal violento impatto emotivo. C'è un maresciallo lunatico e sempre ossessionato da diete mai rispettate, ci sono i suoi collaboratori con le loro manie. E c'è tanto orrore infiltrato negli abissi dell'anima, dove si annidano le voglie e i desideri più turpi. I personaggi di Mistretta sono autentici, scolpiti nelle pietre di Villabosco. E sono destinati a rimanere scolpiti anche nella mente dei lettori, perché difficilmente si possono dimenticare. Il pregio maggiore di questo giovane scrittore è la capacità di dare alle sue storie una costruzione così articolata, così certosina che sembrano quasi un lavoro di ricamo, dove nulla è lasciato al caso. Non una svista, non una incongruenza. Mistretta è scrittore impegnato, non scrive per diletto o per il piacere di evadere dalla realtà; neIl canto dell'upupa” la realtà, in tutte le sue misere sfaccettature, è sempre presente, diventa materia letteraria, plasma sanguigno da offrire ai lettori. Il romanzo tratta argomenti scabrosi che spesso si preferirebbe far finta di ignorare e voltare il capo colpevolmente dall'altra parte, tratta la pedofilia e l'incesto, ce li pone davanti, ci costringe a respirarne l'odore rancido di uomini andati a male. E lo fa con rabbia e indignazione. E' sofferenza autentica la sua, un urlo che si leva dal cuore, un cancro che vorrebbe estirpare.

Ma Mistretta è scrittore, non un magistrato o un chirurgo, usa la penna al posto del bisturi e incide, scava nei recessi più reconditi delle umani aberrazioni fino a tirarne fuori tutto il marcio. Il suo è uno stile accattivante, da professionista che conosce alla perfezione il proprio mestiere, sa come costruire un giallo che tenga in sospeso il lettore fino all'ultima pagina, con colpi a effetto, pause di studiata meditazione e di profonde riflessioni. Svia, indaga, ci porta lontano con falsi indizi, per poi piazzare il colpo di coda che lascia di stucco

Un libro bello. Bello e coinvolgente.

Sicuramente non facile, che vale la pena di leggere.

Roberto Mistretta vive in Sicilia, a Mussomeli

(CL, la Villabosco dei suoi romanzi).
Laureato in Giornalismo, scrive per il quotidiano ” La Sicilia ” e diverse riviste culturali. Ha realizzato scoop ripresi da Verissimo, Maurizio Costanzo Show, Telegiornali Rai, Il Corriere della sera, La stampa, Repubblica, etc.

 

Salvo Zappulla

 
©2006 ArteInsieme, « 014422609 »