Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Il principe Marrone, di Antonino Genovese, edito dal Foglio Letterario e recensito da Salvo Zappulla 28/05/2009
 

Il principe Marrone

di Antonino Genovese

Illustrazioni di

Paola Formica e Oscar Celestini

Edizioni Il Foglio Letterario

www.ilfoglioletterario.it

Narrativa fiaba

Pagg. 110

ISBN: 9788876061516

Prezzo: € 8,00

 

 

 

E' una gran bella storia questa scritta da Antonino Genovese, diciamolo pure senza tanti inutili giri di parole. Con la sua bella trama e la sua bella morale. Il viaggio che ognuno di noi vorrebbe compiere alla ricerca di se stesso, alla ricerca dei valori autentici che diano un senso alla nostra esistenza. Esperienze e percorsi interiori che l'autore descrive utilizzando un linguaggio di immediata fruizione… Non ha coraggio chi è in grado di brandire una spada, ma chi ha la forza di riporla nel fodero e avviare un dialogo. Una delle metafore più significative del racconto. Non è un semplice libro per ragazzi questo di Antonino (brillantemente illustrato da Paola Formica e Oscar Celestini) ma si rivolge a un lettore universale che ama le trame avvincenti, il sogno, la ricerca del fantastico. Tutti ingredienti che compongono il libro e ne fanno un piccolo gioiello. E così importante nella vita aspirare a divenire principe azzurro? Cioè il grado più alto. E se per arrivarci bisogna superare prove imposte da altri, sconfiggere nemici, versare sangue, ne vale la pena? Il protagonista di questa storia ama la pace, la serenità, ama l'amore. E rimanere un principe marrone non lo trova poi così deplorevole. E' scattato nel protagonista un meccanismo di ribellione che induce a parteggiare per lui. Non è rinuncia la sua ma ricerca dell'essenza, di tutto quello che non ha bisogno di titoli e medaglie per apparire in questa società dell'effimero. Una verità posta con leggerezza, che propone valori quali l'amicizia, la solidarietà, il desiderio di libertà, evitando il modo predicatorio, con la giusta dose di ironia Calvino diceva che la sua attrazione verso le fiabe era dovuta a “un interesse stilistico e strutturale per l'economia, il ritmo, la logica essenziale con cui sono raccontate”. Mi sorge un sospetto: che si riferisse al libro di Antonino?


Antonio Genovese nato il 10-04-1984 e vive a Barcellona P.G. (ME). Si è laureato nel 2008 in Medicina e Chirugia e svolge la professione.

Salvo Zappulla

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014260074 »