Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  La piccola cineteca degli orrori, di Manlio Gomarasca e Davide Pulici, edito da Rizzoli e recensito da Gordiano Lupi 25/09/2009
 

Manlio Gomarasca e Davide Pulici

La piccola cineteca degli orrori

Tutti i film che i fratelli Lumiere non avrebbero mai voluto vedere

Rizzoli – Pag. 270 - Euro 24,50

 

 

Manlio Gomarasca e Davide Pulici sono due critici cinematografici che conosco da quando è comparso in edicola Nocturno, anche se fisicamente ho incontrato soltanto il primo in occasione di un Joe D'Amato Horror Festival. Sono le stranezze della vita, per cui ti occupi delle stesse cose, ma vivi così distante che non ti frequenti, ognuno coltiva il suo recinto e scrivere i propri libri, senza contatti e scambi di opinioni. Nocturno Cinema è una rivista benemerita, perché è stata la prima a sdoganare il cinema di genere italiano, a parlarne senza falsi intellettualismi, presentando a un pubblico inconsapevole registi come Ruggero Deodato, Umberto Lenzi, Joe D'Amato, Mario Bava, Lucio Fulci, attori come Tomas Milian, Bombolo, Renzo Montagnani e attrici come Gloria Guida e Edwige Fenech.

La piccola cineteca degli orrori presenta una summa dello storico lavoro realizzato da Nocturno, un helzapopping surreale senza ordine cronologico e sistematico, riccamente illustrato da locandine, flani, foto di scena e sequenze epocali. Pulici e Gomarasca recensiscono oltre mille film, non in modo cattedratico, ma con leggerezza, come impone la materia trattata, invogliando il lettore a scoprire o a rivedere un sacco di vecchie  pellicole. Non è un lavoro da poco, perché il volume (di grande formato) raccoglie il meglio del cinema bis, non solo italiano, ma anche spagnolo, tedesco, statunitense, senza limiti di materia. I due autori raccontano la deriva pecoreccia dei film pasoliniani nel filone decamerotico, narrano le gesta della commedia sexy, immortalano il nazi-erotico, l'esorcistico all'italiana e alla spagnola, film assurdi come Incontri molto ravvicinati di un certo tipo, lo splatter, l'horror truculento e il gore di Lucio Fulci. Nel libro c'è un po' di tutto, forse poco per il cultore della materia, ma era impossibile inserire altre cose senza comporre un'opera enciclopedica. La piccola cineteca degli orrori non è un libro è dedicato alla nicchia degli specialisti, ma a chiunque voglia conoscere il cinema bis. Pulici e Gomarasca, dopo aver allevato generazioni di appassionati dalle colonne di Nocturno, diffondono il verbo del cinema di genere da un libro Rizzoli a grande diffusione. Per me che li seguo dai tempi di Io Emanuelle e 99 Donne - opere che custodisco gelosamente nella mia biblioteca di cinema - questo bel volume rappresenta una conferma per due autori fondamentali, veri e propri storici del cinema di genere.   Non mi stancherò mai di dire che abbiamo imparato tutti da loro.

 

Gordiano Lupi

 
©2006 ArteInsieme, « 012624461 »