Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Salvo Zappulla ha recensito ‘A jatta, di Cinzia Pierangelini, edito da GBM 01/10/2009
 

'A jatta

 

 

Cinzia Pierangelini, alla sua seconda prova narrativa ('A jatta, edizioni GBM, pagg.157, € 13,50 ) è riuscita a confezionare una storia  convincente. Una storia d'amore molto particolare tra due esseri umani, Andrea e Alfredo. Amore omosessuale? Amore eterosessuale? Che importa. Semplicemente due esseri di questa terra che provano attrazione l'uno per l'altro/a, legati dalla capacità di stupirsi, di emozionarsi di fronte all'agonia del loro vecchio cane, che si tengono per mano a osservare un tramonto, la nascita di un fiore.. Un candore che pervade tutto il romanzo. Amori cercati, perduti, dimenticati, ritrovati. Giorgio, violoncellista di fama internazionale, irrompe come un temporale d'agosto a spezzare l'idillio e la storia assume una struttura corale, oscillante tra la commedia e il dramma, tra una riflessione malinconica e uno slancio vitale. Sullo sfondo una Sicilia assolata, ancorata alle tradizioni, ai perbenismi, al moralismo di facciata che non ammette trasgressioni alle regole. Cinzia assembla tutto con una raffinatezza stilistica che punta dritto al cuore, caratterizzata da una forte tensione etica, scava dentro l'animo dei suoi personaggi, porta alla luce tesori di profonda umanità. Quanta sofferenza si cela dentro un essere umano costretto a ritrovarsi in un corpo in cui non si riconosce? Le operazioni chirurgiche per mutare il proprio stato fisico, i pregiudizi malevoli, le battute irriverenti, gli sguardi di compatimento . E la gelosia di Alfredo. Il tormento di vedere svanire il proprio sogno, portato via da un uomo più giovane e aitante, tronfio e superficiale che non possiede un briciolo della sua sensibilità e tuttavia riesce a fare breccia nel cuore di Andrea.

La Pierangelini affronta i temi della solitudine, della vecchiaia, della diversità, dell'incomunicabilità, temi universali che coinvolgono gran parte degli esseri umani rendendo questo libro attuale. La gatta è sempre lì sorniona che si gode la scena. E' una gatta femmina o maschio? Anche qui, cosa importa? C'è ed ha la sua influenza nell'economia della storia.       

 

                                                                                      Salvo Zappulla

 

 
©2006 ArteInsieme, « 012625132 »