Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  L'amore altro. Un'odissea nel Kosovo, di Ausilio Bertoli, edito da Besa e recensito da Alberto Carollo 29/10/2009
 

Ausilio Bertoli, L'amore altro. Un'odissea nel Kosovo
(Besa Editrice, pp. 100, € 12,00)

 

Il produttivo scrittore vicentino Ausilio Bertoli (Grumolo delle Abbadesse, 1945) sembra aver trovato a est nuova linfa vitale per la sua narrativa. Già col precedente “La sirena dell'immortalità” (Azimut, 2008) i caratteristici protagonisti dei suoi romanzi spostavano la loro sfera d'influenza in territori dove il genoma venetico dava origine, nel confronto/scontro con le istanze autoctone, a singolari alchimie. In “L'amore altro” questa tendenza è ancor più marcata, con conseguenze impreviste e di sicuro impatto per il lettore. La vicenda è ambientata nel Kosovo, nell'ambiente del volontariato umanitario che il nostro autore, sociologo di formazione, ha avuto modo di toccare con mano per il tramite di suoi conoscenti.
Boris e Giulia, manco a dirlo due veneti – padovani per l'esattezza –, vanno a Prizren Bas a far visita a Clizia, la sorella di lei, medico all'ospedale dell'International Assistance. Com'è nelle sue corde, Bertoli congegna alcune dinamiche amorose e ne rappresenta gli sviluppi: Giulia, abbandonata dal marito, è innamorata di Boris, non ricambiata (“le riversavo l'affetto che un qualsiasi fratello nutre nei confronti della propria sorella”); lui è invaghito di Clizia (“io sognavo l'amore di una medichessa”), in principio, ma finisce per idolatrare e poi innamorarsi perdutamente di Arifa, l'infermiera kosovara. Stesa così sembra la trama di un vaudeville, invece il romanzo breve, o racconto lungo che dir si voglia (questa la forma privilegiata dal nostro autore), procede con ritmo serrato e sterza bruscamente in atmosfere noir. Quella che nelle intenzioni doveva essere per Boris, Giulia e Arifa una gradevole gita turistica al parco nazionale di Brezovica si trasforma improvvisamente in un incubo: “Uno sparo secco lacerò l'aria. Un istante, e l'eco di un urlo strozzato, coperto in parte dal rombo di un aereo a reazione, mi risuonò nelle orecchie.
E' Boris a parlare; la storia si dipana sotto gli occhi del lettore per mezzo della sua voce. Boris e Giulia entreranno nel mirino dei trafficanti di droga e gas tossici; sarà l'avvio di una catena di sofferenze, di morti e di sogni distrutti. Il Kosovo martoriato dalla guerra impone all'autore una mimesi più stringente e drammatica; ci sono alcuni passaggi cruciali in cui viene descritta con stile asciutto e diretto la crudeltà di alcune situazioni post-belliche: “Per i soldati era un divertimento incaprettare o bruciare vivo chiunque si trovasse nelle case o nei boschi. Il più bel divertimento.”
Boris Pavani è un altro dei personaggi tipici alla Bertoli, se così possiamo definirlo. Borghese, ben istruito, insoddisfatto della vita grigia che conduce, un anti-eroe che si sente inadeguato nella società in cui vive e che coltiva sogni di riscatto di difficile realizzazione. Come Delio Rizzi in “La sirena dell'immortalità”, Boris si allontana dalla provincia opprimente per cercare nuove motivazioni esistenziali, per trovare l'amore, una compagna in grado di compensare il suo senso di vuoto, le sue frustrazioni e angosce. Ma in questo libro c'è un espediente narrativo che diviene una possibilità in più di evoluzione del personaggio. Delio Rizzi usciva un po' rattoppato nello spirito e nella sua aurea mediocritas, in provvisorio eppur stabile equilibrio mentale, dalle sue avventure croate. Per Boris lo scarto è invece nella direzione di un valore aggiunto: la tragica vicenda di Arifa determina un sostanziale cambiamento di rotta nella sua vita. Da pavido e irresoluto, preda di un forte senso di disagio e smarrimento, Boris diviene consapevole e determinato. Il suo amore per Arifa viene sublimato in una nuova ragion d'essere, monito continuo a lottare per migliorare la propria condizione e quella degli altri. Viene da chiedersi se Boris (alla ricerca di un amore esclusivo, in netto contrasto con lo slancio idealista di Arifa) sarebbe maturato come uomo senza perdere la sua donna kosovara, ma è una speculazione peregrina: si cambia a confronto con le esperienze, per quanto spietate. Arifa, infatti, al sogno d'amore di Boris aveva opposto il suo ideale: “non so ancora cosa pretendi da me e dalla vita. Io pretendo di studiare medicina e curare e aiutare i disperati della mia terra, quelli più disperati di me, perché possano affrontare un futuro se non roseo, almeno accettabile.
I personaggi di Bertoli rivelano le proprie motivazioni profonde con poche parole, si spiegano per comportamenti e azioni. La scrittura serve abilmente quest'esigenza: è secca, frammentata, concitata a tratti. Bertoli è abile nel ricreare in forma semplificata moduli linguistici e colloquiali che hanno il sapore della schiettezza, quasi ellittici, tratteggiando atmosfere che evocano il parlato locale senza l'utilizzo del dialetto, con ridondanze e ripetizioni nei dialoghi o interiezioni e esclamazioni del tutto peculiari, di buon effetto espressivo.
Un possibile happy end fa capolino nello scioglimento della vicenda, come un fiore su un ammasso di rovine. Boris tornerà in Kosovo, là dove ha trovato l'amore – non quello che cercava, ma un amore più grande, più puro e virtuoso –, per realizzare una clinica pediatrica dove guarire e amare i bambini della zona. Allora, forse, quell'animale (l'uomo) più feroce che esista sul pianeta può essere fermato; forse non c'è neanche bisogno che gli scienziati gli cambino i geni per ammansirlo, come viene affermato in apertura del romanzo. Forse c'è bisogno di una infusione ulteriore di speranza, quella che Ausilio Bertoli invoca nella bella epigrafe che apre “L'amore altro” e che vi invito a leggere, perché è evidente che per cambiare questo stato di cose vi sia bisogno di dosi massicce di un “altro amore” che non sia quello atavico per noi stessi, per la nostra etnia e per il nostro fazzoletto di terra brulla e senza frutto.
 produttivo scrittore vicentino Ausilio Bertoli (Grumolo delle Abbadesse, 1945)

 

Alberto Carollo

 

www.cigalesplinder.com

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014136398 »