Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Poesie e racconti di Natale  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  I ragni zingari, di Nicola Lombardi, pubblicato da Edizioni XII e recensito da Katia Ciarrocchi 15/07/2010
 

I ragni zingari

di Nicola Lombardi

Edizioni XII

Narrativa romanzo

Pagg. 152

ISBN 9788895733210

Prezzo € 11,50

 

 

 

 

 

I ragni zingari sono una leggenda che si narra da generazione in generazione nella famiglia di Michele, premonizione di una disgrazia, presagio di una catastrofe.
Michele ne è suggestionato, soprattutto ora che ha conosciuto gli orrori della guerra, lasciandogli segni indelebili nell'anima.
Dopo l'armistizio del ‘43, Michele, torna a casa dall'Albania, ma la guerra non è finita, perché i Tedeschi, ora nemici, gli stanno alle costole e presto lo raggiungeranno.
A casa lo attendono una famiglia immersa nel dolore per la scomparsa di Marco, il fratello minore di Michele che manca da casa da tre giorni: quello che un tempo era un giaciglio sicuro e amorevole, ora è un covo di ragni, ragni come segreti nascosti, rivelazioni dolorose e una mente contorta quale quella dello zio Berto che non riesce, ora più che mai, a separare il mondo reale da quello parallelo (affollato da ragni zingari) che è l'oltretomba dell'essere.
Non svelerò quali sono gli sviluppi de I ragni zingari, perché ci sono libri che non meritano di essere anticipati, ma vanno assaporati vivendoli, man mano che la lettura prosegue, e credetemi questo è un libro che va letto.
Nicola Lombardi, veterano dell'orrore letterario, riesce a descrivere momenti psicologici angoscianti, addentrandosi nei meandri più sotterranei del subconscio con grandissima maestria.
La scrittura di Lombardi mi ha portato subito alla mente i dipinti di Bacon il quale vide fin dai suoi esordi l'orrore in cui si mescola natura umana e animale: “Homo homini lupus” è la legge naturale che ritraeva attraverso quel suo straordinario modo di stendere i colori, così Lombardi stende parole, frasi in modo così affascinante che ti cattura sin dalla prima descrizione.
Ancora una volta edizioni XII colpisce nel segno, a mio avviso I ragni zingari di Nicola Lombardi è tra i migliori libri del panorama fantastico italiano.

Nicola Lombardi nasce a Ferrara nel 1965. Nel 1989 dà alle stampe il suo primo parto macabro: Ombre – 17 racconti del terrore. Suoi sono i romanzi tratti dai film di Argento Profondo Rosso e Suspiria, entrambi pubblicati da Newton & Compton. Per anni ha collaborato con il periodico Mystero in veste di narratore e traduttore. Altre sue raccolte di racconti horror-noir sono I racconti della piccola bottega degli orrori, La fiera della paura (entrambe Mondo Ignoto Editore) e Striges (Robin Editore). Fa parte dello staff di redazione de L'Ippogrifo, organo periodico del Gruppo Scrittori Ferraresi.

 

Katia Ciarrocchi

 

www.liberolibro.it

 

 
©2006 ArteInsieme, « 013542143 »