Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  La tua voce, di Virginia Foderaro, edito da Opposto.net e recensito da Salvo Zappulla 16/08/2010
 

La tua voce

di Virginia Foderaro

Opposto.net

www.opposto.net

Poesia Silloge

Collana di Poesia Gli Indaco

Pagg. 80

ISBN 9788890513404

Prezzo € 8,00

      

 

                                                    

Leggendo e riflettendo su questa silloge poetica di Virginia Foderaro, mi domando da dove trae origine la sua forza, la pregnanza delle sue liriche. Traspare una sorta di rimpianto in questi versi, la sensazione di momenti perduti  lungo il percorso della vita e ripresi per la coda.  Come se Virginia volesse avocare a sé l'incanto e serrarlo dentro la fortezza della propria memoria.  E' poesia vissuta? È una voce misteriosa che ha echi profondi nell'animo umano? Una poesia modulata su sentenziosità vive, che riflettono aspirazioni segrete, mancate o fallite? Sono frammenti o sintesi parziali di espressioni esistenziali? Sicuramente c'è il suo vissuto in queste poesie, la sua complessa e  indefinibile interiorità che incide sul suo tessuto esistenziale, intriso di momenti malinconici, lampi di gioia, ricadute, amori finiti, riconquistati, ancora perduti, ritrovati o smarriti per sempre. In poche parole, c'è la vita, la Sua vita, quella di Virginia e quella universale. Sentimenti umani, in fondo comuni, ma non tutti gli esseri umani hanno la capacità poetica di trarre impulso dalle proprie sensazioni per ricavarne  versi musicali, parole  concatenate con armonia in grado di librarsi in volo per ricadere come piccole stille dorate. Dal nido dell'ultimo inverno/ il volo nel vuoto va incontro all'ignoto./Pennelli sottili dipingono il vento/e fissano virgole sull'orizzonte./ Oggetti smarriti rincorrono stelle./Appeso dal nulla c'é un filo che pende./E' corda ispessita da nuvole e attimi./ Afferro la presa e atterro/ da questo mio volo/dal quale riporto un raggio di sole. 

Questi versi li ho amati  con una intensità estrema, mi hanno fatto sognare, incarnano la speranza, la possibilità che ognuno di noi ha di uscire dal proprio limbo e cogliere il frutto della vita. Invitano ad osare, a tendere la mano e  afferrare l'infinito. La poesia come strumento di relazioni sociali, angolo di visuale privilegiato, dimensione e chiave di lettura tesa a individuare la peculiarità e la  natura pluridimensionale dell'anima che l'ha concepita. Uno spazio temporale minimo, destinato a usurarsi in fretta  nella vastità dei secoli. Una sorta di crepuscolo che conduce a quel senso di ineluttabile tempesta che è tipica di chi scava dentro se stesso.  La poesia  e il suo soliloquio. Il Poeta e la sua unicità. Il Poeta e la sua solitudine impossibile da scalfire. Virginia in questa raccolta segna il passo del suo cammino, le ferite causate dai rovi lungo il percorso. Tracce affidate  alla memoria,  alla memoria del rimpianto, alla memoria di questo compendio di stati d'animo profondamente vissuti e sofferti.

 

 

Salvo Zappulla

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014248207 »