Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Storia di una stagione, di Lucilla Galanti, edito da Giulio Perrone e recensito da Franco Seculin 22/10/2010
 

Storia di una stagione (a rincorrere un amore perduto e un'identità mai trovata), di Lucilla Galanti – Giulio Perrone Editore – Divisione LAB – Pagg. 70 – ISBN 9788863161458 - € 10,00

 

 

Giovanissima autrice esordiente con il romanzo "Altrove da me"-I Sognatori- nel 2008 e che ha ottenuto larghi consensi, si ripropone con una silloge di poesie che in fondo ne costituisce una seconda chiave di lettura già a partire dal sottotitolo e dalla breve nota della stessa scrittrice che cerca di indicare un percorso interiore teso alla ricerca di un'identità di confronto con un altro io a volte indifferente. A tratti appare una natura che irride a un mondo di facili compromessi e certo il suo modo di esprimere in versi sentimenti contrastanti nulla concede ad una semplice lettura di superficie. Parole e ritmo, anche nella postura sul rigo, esigono attenzione per la ricerca di una continuità che si dipana "... a tratti, e a tratti no". La concessione finale ad una interpretazione che possa essere(o sembrare)conclusiva è decisamente voluta nei versi che chiudono l'iter poetico nella terza parte al "punto" 7.1 .../questo vento che scompiglia i pensieri e disperde i ricordi/questo vento che soffia e spazza via ogni cosa/prima o poi porterà anche me verso una stagione migliore... è la finale ricerca di un mondo che si può /... ricostruire da capo...quando il vento lo spazza via. Certamente l'amaro di alcune righe sa di sale: 3.Anima vacua/che vagheggi pochi istanti di delirium ogni tanto/delirium tremens…e ancora 4. Ti ho visto uscire incolume dal (sop)palco asfissiante della tua vita… e ti ho odiato - …cerco di mettere ordine tra pagine prive di senso. Il “diario”- il quotidiano - si fa pesante: …6.Non trovo vie di fuga occasionali a questo stato #...non trovo nulla e vorrei vomitare vorrei scappare in un deserto di ghiaccio o di sabbia non fa differenza…6.1…scavalco ammassi di gambe accavallate sparse sui tappeti polverosi/un susseguirsi di presenze asfissianti/…che respirano la mia razione di ossigeno…e arriva il freddo cinico sarcasmo…/magari intanto inizio a cambiare la disposizione dei mobili di casa… Ai lettori di questa sintesi di non vita, malamore e senso di disturbo, espressa con genuina vocazione, lascio il piacere di comprendere quanto sia grande ancora una volta il potere della parola e le implicazioni che ne derivano.

 

Franco  Seculin

 
©2006 ArteInsieme, « 014285060 »