Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  L'intermittenza, di Andrea Camilleri, edito da Mondadori e recensito da Arcangela Cammalleri 22/10/2010
 

L'intermittenza

di Andrea Camilleri

Ed. Mondadori

Romanzo

Migliaia di lavoratori a rischio.

Manager spregiudicati. Due donne bellissime.

Un thriller spietato, veloce come un battito di ciglia.

 

Un'immagine italica sempiterna. Attraverso il tempo, il nostro Paese non ha perso i vizi conclamati: alberga nei palazzi alti Corruzione morale e Spregiudicatezza affaristica. 

 

L'intermittenza, l'ultimo libro di Camilleri non può non richiamare alla memoria Un sabato con gli amici: stesso stile secco ed essenziale quasi a cogliere e collocare i personaggi (il lettore riesce, questa volta, a districarsi tra i vari nomi dei personaggi e loro relativi ruoli e legami grazie all'elenco presente all'inizio del libro) all'interno delle proprie crepe morali.

Siamo dentro il mondo degli affari sporchi, dell'imprenditoria spietata e predatrice, della politica cialtrona e opportunista. Senza soluzione di continuità s'intersecano i rami dei vari settori alla cui base ci sono profitto, convenienza e malaffare, ma Camilleri idealmente vuole spezzare questo fil rouge di vasi comunicanti inventandosi: L'intermittenza. “Silenzio totale, assoluto, come se intorno gli fosse sorta una bolla d'aria insonorizzata, inglobandolo. I muscoli paralizzati, non obbediscono agli impulsi inviati dal cervello. Poi, senza preavviso, si sblocca. Il contatto con il mondo viene ristabilito. Per una frazione di secondi i rumori hanno un così forte  innalzamento di volume che gli rintronano dentro la testa, lo stordiscono”. 

Una corrente che si alterna o un black-out momentaneo interrompono ambizioni ed illusorie vanaglorie di chi mercifica tutto quello che tratta.

 Siamo in una metropoli  del nord (Camilleri istantaneamente assume un registro linguistico formale e composto), al centro il patriarca-presidente di una grande industria, la Manuelli il cui figlio, Beppo, una nullità totale, ricopre indegnamente la carica di vice Direttore generale; il Direttore del Personale, Guido Marsili è  un rullo compressore, senza ripensamenti, senza scrupoli, freddo e implacabile, ma con una segreta passione per la poesia e il Direttore generale  Mauro De Blasi, manager importante che tiene tutto sotto controllo, eppure…avvisaglie di défaillance lo frastornano e lo lasciano inerme: “Fu allora che ebbe lacerante certezza della prossimità della sua morte”. La crisi nazionale aleggia sul Paese e la Manuelli fagocita l'azienda Artenia di Birolli sull'orlo del fallimento. Mauro De Blasi porta avanti le trattative in segreto, offrendo  una certa  cifra per il  pacchetto azionario dell'azienda soccombente. Portare le perdite in riduzione dei loro utili: cento milioni di perdite finanziarie giacenti nell'Artenia sarebbero sprecati, portati nel bilancio della Manuelli varrebbero 40 milioni di minori tasse. Birolli si sarebbe  liberato dei creditori e la Manuelli avrebbe guadagnato di più di quel che  avrebbe pagato: il pesce grosso che divora quello più piccolo. Personaggi maschili tagliati con l'accetta, di sordido profilo, sempre pronti a captare l'affare losco e a mantenere il potere senza cedimenti. Tagli del personale, cassa integrazione galoppante e trattative con il  politico di turno tracciano un quadro economico e finanziario molto simile alla realtà odierna. Le figure femminili assumono connotati propri dell'ambiente in cui vivono, Marisa, la bella moglie di De Blasi, ricca ed annoiata incline ai tradimenti; Anna, la segretaria di Mauro  la cui vita pubblica sicura e motivata contrasta con la privacy deserta e vuota, facile agli abbagli amorosi; la bella nipote di Birolli, Licia, consulente del capo di un grande gruppo industriale, Luigi Ravazzi, si occupa di economia con grande disinvoltura. Eppure queste donne, apparentemente così risolute, granitiche per il lavoro che svolgono e per i ruoli che ricoprono, sono da Camilleri rappresentate sempre con estrema cautela e, spesso, spogliate dalla scorza esteriore che le caratterizza. La donna, l'eterno femminino appare in tutto il suo spessore e anche l'oca cristallizzata nella sua apparenza gradevole e accattivante mostra le sue fragilità interiori. In questo romanzo Camilleri assume il ruolo di  evocatore dei destini italici, senza cadere nella trappole della retorica e nelle insidie del moralismo. In una prosa curata e controllata, dove le parti dialogiche non sono meno a quelle narrative - riflessive non c'è scampo  alfine per chi vuole alzare sempre la bandiera del vincitore. Ha ancora fatto centro Camilleri? Senza aspettarsi il capolavoro o l'intuizione geniale, a mio modesto parere e da fans della prima ora,  risponderei di sì.                  

 

 

Autore. Andrea Camilleri (1925), è autore di oltre 60 romanzi tra storici, civili e polizieschi, e di diverse raccolte di racconti, tradotti in più di 30 lingue. Vincitore di numerosi premi in Italia e all'estero, è noto al grande pubblico anche per i romanzi dedicate alle inchieste del commissario Montalbano, da cui è stata tratta la fortunata serie televisiva. Tra i tanti titoli ricordiamo: “La forma dell'acqua”, “Il cane di terracotta”, “Il ladro di merendine”, “La voce del violino”, “La stagione della caccia”, “Il birraio di Preston”, “La concessione del telefono”, “La gita a Tindari”, “Maruzza Musumeci”, “Il casellante”, “Il campo del vasaio”, “L'età del dubbio”, “Un sabato, con gli amici” “Il sonaglio”  “ La caccia al tesoro”…

 

Arcangela Cammalleri

 
©2006 ArteInsieme, « 014284992 »