Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Canti celtici  »  La recensione di Giovanni Buzi 09/11/2007
 

Canti celtici

di Renzo Montagnoli

Prefazione di Patrizia Garofalo

Immagine di copertina e fotografie

all’interno di Renzo Montagnoli

Elaborazione Grafica di Elena Migliorini

Edizioni Il Foglio

http://www.ilfoglioletterario.it/

ilfoglio@infol.it

Collana Autori Contemporanei Poesia

Diretta da Fabrizio Manini

Poesiapoema

Pagg. 90

ISBN: 978-88-7606-162-2

Prezzo: € 10,00

 

 

 

Il ritmo dei grigi

 

 

Scalpitio di cavalli.

Colpi di zoccoli che si perdono.

Lontano.

Fra nebbie e vapori.

Svanite le eco, niente più rimane.

Solo grigi indistinti, silenzio e quella pausa dei sensi prossima alla morte. Prossima anche alla vita.

Nuova, segreta vita.

 Leggere un libro di poesie non è come leggere un romanzo.

No.

Prendere in mano un libro di poesie non è come prendere in mano un romanzo.

Niente a che vedere.

Per leggere un libro di poesie c’è bisogno di tempo. O meglio, c’è bisogno di “rarefare” il Tempo. Trovare quel momento magico in cui la realtà – intorno a noi, dentro di noi – possa iniziare a sciogliersi. Fondere come neve che l’invisibile calore della primavera trasforma in acqua.

Con lentezza, divina lentezza.

Con la stessa lentezza, dobbiamo trovare il tempo noi per sgretolare il Tempo. Sgretolarlo. Rarefarlo. Farlo sciogliere. E, in quel luogo spazio–temporale, tuffarsi.

Tutto, allora – se tutto è stato creato da un poeta – diventa vero, presente. Anche un passato ormai morto, fatto rivivere su una delle materie più fragili e sensibili che esistono: la carta. Carta che incorpora e trattiene le tracce nere dell’inchiostro, come tatuaggi indelebili. Carta che sa trattenere riproduzioni di foto in bianco e nero: riflessi. Riflessi di reali paesaggi.

E se tutto intorno a noi, finanche nella nostra memoria, non fosse che un magico e potentissimo gioco di riflessi?

Questo sembra dirsi a ogni riga, a ogni scatto il poeta–fotografo Renzo Montagnoli.

Gioco di riflessi e d’illusioni.

Divine illusioni in cui il Tutto si fa fluido, amniotico, lontano e presente allo stesso tempo. Quel Tempo che, inesorabilmente, ad ogni istante ci sfugge.

Le tracce nere delle parole possono render vivo un passato che ci è sfuggito fra le dita, come la chioma bella d’una ninfa. Una ninfa che ancora ci sorride.

Ancora e sempre.

Anche dietro quel velo di grigie trasparenze che mai riusciranno a cancellare ciò che è stato.

L’eterna casa della realtà è il ricordo.

E se la realtà può sbiadire, i ricordi non sbiadiscono mai.

Con l’andare del tempo diventano sempre più vivi e veri.

Più veri di ciò che ci circonda.

Ciò che ci circonda è fuori di noi, i ricordi sono mescolati al nostro sangue, alla carne. Vivono, respirano con noi.

E se, uno dei segreti dello scrivere, soprattutto scrivere poesie, fosse dar voce alle risonanze sempre vive dei ricordi?

E se, avvicinarsi alla poesia – alla bella poesia, quella che ci riscalda il cuore – non fosse nient’altro che il tentativo di glissarsi, senza far rumore, in quel magico gioco di chiaroscuri e trasparenze?

Chiudo il libro di Renzo e, in caratteri bianchi su nero “Canti Celtici” mi balza allo sguardo poi, in un’aerea, aperta prospettiva, un cielo luminoso di bianchi, grigi, celeste e sospetti di viola mi conducono lontano.

Intanto, come per magia, ancora, distintamente sento, vivi, presenti, colpi di zoccoli che s’allontanano e svaniscono in un agitarsi d’ombre.

Ma io so che non sono immaginari cavalli e cavalieri che s’allontanano fra castelli di blocchi di pietra e sterminate paludi.

No.

Questo pulsare è il riecheggiare in me del ritmo dei versi di questi “Canti Celtici” che hanno saputo dar vita, battito, cardiaco a ciò che non è più. Ciò che mai più sarà.

Eppure resta.

 

                                      Giovanni Buzi

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09444990 »