Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Il cerchio infinito  »  Hanno scritto del Cerchio infinito 12/09/2008
 

Hanno scritto del Cerchio infinito

 

 

Enzo Maria Lombardo – Mail del 12 settembre 2008

 

Caro Renzo,

…………

Bando alle ciance. Hai scritto un bellissimo libro. Una silloge favolosa con un tema che, salvo pochissime eccezioni, prosegue dritto per la sua strada dalla prima all'ultima pagina. Sei riuscito ad esaminare il problema (il più grande problema dell'Uomo, chiuso nella sua piccola scatola terrestre) in tutte le sfaccettature e con tutte le modalità: con l'incanto del poeta ed il disincanto dell'uomo di cultura e dello scienziato. E' prevalente il primo, senza dubbio, nelle visioni di raro tratto estetico (in tutte, adesso penso a "dolce abbandono"), nelle metafore indovinatissime (fra le altre, "Il percorso", "il glicine")... ora la mia necessità ermeneutica mi porta lontano ma dopo una notte insonne non so proprio dove andrò a parare...

Ed in questo contesto (non triste, anzi con visioni zen di continuità e circolarità dell'essere) si innestano perle di umana autocoscienza, riflessioni che starebbero bene in testi filosofici.

Fin qui è il "normale" iter del fil rouge che collega le varie liriche: a tratti il filo si intreccia, senza spezzarsi, con piccoli diamanti di umana dolcezza: non più il saggio poeta assiso nel suo trono di arte, non più il tranquillo e smaliziato osservatore, non il fine pittore, ma l'uomo-bambino che trema davanti al mistero ed all'immensità che lo circonda e che si rifugia in visioni oniriche. Oppure, ed ancor meglio, l'uomo che invoca: "anima mia/ stammi accanto un poco ancora/ accompagnami per mano..." e così - mano nella mano - prosegue nel cerchio infinito, nella luce che allontana felicemente ogni tenebra.

Ecco, dopo una notte insonne, mi è rimasto da dire ben poco. Dovrò rileggere la silloge per poter gustare appieno alcune riflessioni: adesso non volevo riflettere ma esprimerti la mia impressione "a caldo".

Caro Renzo, sei un amico ed un grande amico ad esserti ricordato di me inviandomi la tua ultima fatica letteraria.

…….

Ciao.

 

enzo

 

 

Cesarina Bo – mail del 17 settembre 2008

 

Caro Renzo, ho letto le tue poesie, senza seguire l'ordine con cui tu le hai disposte, ma andandole a "pescare" a caso e scoprendo che ogni pescata era fortunata, perché non sono mai stata delusa dalla lettura.

Mi sono piaciute tutte, ma se ne dovessi scegliere una non avrei dubbi ad indicare Oltre la logica in cui mi ci ritrovo perfettamente.

Complimenti sinceri e grazie per la dedica!

Cesarina

 

 

Lorenzo De Ninis – mail del 19 settembre 2008

 

 

Il tuo Cerchio infinito mi ha particolarmente colpito per come il tuo modo di poetare sia cresciuto. Il "finito" della nostra esistenza che diventa "infinito": ho notato come questi "elementi" entrino a formare il "cerchio" del nostro essere.

Ciao,

Lorenzo.

 

 

Patrizio Spinelli – commento alla recensione di Luigi Panzardi apparsa sul Blog L'armonia delle parole in data 15 ottobre 2008.

 

Dopo l' Infinito di Leopardi, la migliore poesia esistenziale è quella del Cerchio Infinito

 

 

 

Stralcio della lettera del 22 ottobre 2008 inviatami da Viboldone da Don Luisito Bianchi

 

 

Carissimo Renzo,

ho potuto finalmente rileggere con la ruminatio che richiede Poesia la tua silloge (e per me la ruminatio, che al di là di ogni pretesa – non sono un critico! – è il segno inconfutabile che sto gustando Poesia).

Ti dico grazie, ma anche per quanti ti leggeranno e non avranno la possibilità di dirtelo personalmente. Una ricchezza che entra nella legge della vita nel ricevere e nel dare. La Traditio. E Poesia è l'avverbio che tu conosci e che lega i due movimenti di diastole e di sistole nel cuore dell'umanità fin dal Principio: gratuitamente.

Ti dico alcune impressioni d'insieme. La prima e immediata è che questo cerchio infinito sia la voce del silenzio che cogli dopo il lungo viaggio sempre nuovo e sempre uguale nella vita. Potrei meglio esprimermi rimandandomi all'avventura inaudita di Elia chiamato a un incontro che non sa come possa avvenire dopo un numero infinito di albe e tramonti, 40, numero senza termini (anche qui in cerchio infinito), un cronos che s'appagherà solo nell'incontro, il cairos, il tempo opportuno che è il rumore del silenzio. Dal tumulto del cronos ( ricordi il monte Carmelo e la sfida di Elia ai vocianti 458 profeti di Baal?) esce sfiancato. Si corica all'ombra d'un sicomoro e vuole morire perché “ non è migliore dei padri suoi”.

Quante volte ricorre nelle tue pagine il senso della fine che potrei condensare nel sogno – la vida es sogno -  o nella realtà sommersa (il tuo Cerchio Infinito II: Guardo la tua alba / nella luce / del mio tramonto), o in certi ossimori di Attimi? Basta. Dentro di me l'eternità, che è l'Incontro di Elia: non nello sconquasso di un terremoto, nel vento travolgente o nel fuoco divoratore, ma nel “rumore del silenzio”. Ti ripeto: GRAZIE.

…………

Un caro saluto alla tua signora, e un abbraccio a te, amico.

 

                                                                           Luisito

 

Flavio Ermini – mail del 21 dicembre 2008-12-22

 

Caro Renzo,

grazie per il tuo CERCHIO INFINITO.

L'ho apprezzato molto.

Particolarmente efficaci le poesie brevi. Penso a ONDA e IL GLICINE.

Tanti auguri per l'anno nuovo ormai alle porte.

Un caro saluto.

Flavio

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09720300 »