Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Bell'Italia  »  Montisola sul lago d'Iseo, di Renzo Montagnoli 22/06/2012
 

Montisola sul lago d’Iseo
di Renzo Montagnoli
 

 
 

 

L’Italia può proprio essere considerato il Belpaese, perché, accanto a mete conosciutissime, ce ne sono altre minori che presentano però caratteristiche di estremo interesse. Fra queste un giusto rilievo merita Montisola, o Monte Isola, una montagna che emerge dalle acque del lago d’Iseo, dividendolo praticamente in due. Con i suoi 12,22 Kmq. é l’isola lacustre più grande d’Italia e vanta un notevole sviluppo in altezza, raggiungendo in cima i 600 metri. Ben poco abitata (circa 1.800 i residenti) è caratterizzata da numerose frazioni che sorgono e si sviluppano, per lo più, sul litorale. Fin dalle origini l’attività principale è stata la pesca, con la produzione degli strumenti relativi (reti e imbarcazioni) e ancor oggi, a parte il turismo, questa gente vive delle risorse del lago.
Era mia intenzione visitarla da tempo, ma passavo sulla sponda bresciana del lago, la vedevo quasi a portata di mano e continuavo a rimandare, anche perché, se anche è facilmente raggiungibile, per visitarla occorre tempo, potendosi muovere solo a piedi (la circolazione delle auto è vietata) o con un piccolo servizio di autobus. Poi, come a volte accade, parlando con un amico è saltato fuori questo luogo e da lì a decidere di andarci, anche se per un breve soggiorno, il passo è stato breve e ancor più breve il salire sull’auto e partire.
Sulzano, il porto d’imbarco sulla sponda bresciana, dista dal mio paese circa 110 Km., un percorso solo in apparenza lungo, poiché per i 2/3 è costituito da una superstrada, che parte dal confine nord della provincia di Mantova e che di fatto è utilizzabile fino a 5-6 Km. dalla meta. Quindi ci si arriva alla svelta, lambendo Brescia sulla tangenziale sud e poi inoltrandosi fra i vigneti della Franciacorta. Già quando si lascia questa strada a scorrimento veloce, scendendo a Iseo, si apre un panorama di incantevole bellezza, con una vista assai ampia del lago, che anzi si scorgerebbe tutto fino al suo apice settentrionale, se non vi fosse di ostacolo la mole massiccia, quasi un torrione, appunto di Montisola.
A Sulzano non ci sono particolari problemi di parcheggio, a parte il fatto che sono tutti a pagamento. Consiglio di evitare il più costoso prossimo all’imbarcadero e di fare due passi in più, salendo lungo la montagna, per parcheggiare nella piazza davanti al municipio, in cui la sosta è meno onerosa e da cui si ha una bella vista sulla nostra meta.
Il traghetto parte all’incirca ogni quarto d’ora e impiega una decina di minuti per percorrere un braccio di lago di non più di un chilometro.

Lo sbarco avviene a Peschiera Maraglio, piccolo borgo in cui è presente qualche attività di contorno a quella turistica, come un paio di negozi di prodotti artigianali di provenienza non locale.
Gli alberghi sono in verità pochi e tutti piccoli, ma data la bassa stagione non c’è stata difficoltà a trovare. Non aspettatevi dei quattro stelle, perché, nella migliore delle ipotesi, si tratta di strutture a due stelle, però confortevoli e calde, di quel calore quasi familiare che i grandi hotel non sono in grado di dare. Un po’ più numerosi sono i ristoranti, anzi delle vere e proprie trattorie, ubicate in luoghi incantevoli, come il Sole di Sensole, con una bella vista sull’isola di San Paolo.

Le specialità locali sono costituite dal pesce di lago, eccellente e cucinato veramente bene, come i filetti dorati di persico, il salmerino ai ferri, per non parlare di quell’autentica prelibatezza che sono le alborelle fritte.
L’aria che si respira in questo luogo è d’altri tempi; sarà per la bellezza dei paesaggi, sarà per il fatto che non circolano automobili, ma sembra di ritornare indietro di almeno mezzo secolo. La vita scorre più lentamente, non c’è la frenesia che spesso altrove ci accompagna e passeggiare sulla litoranea significa anche poter scambiare due parole accompagnate da lunghi silenzi, durante i quali si finisce con il porsi l’inevitabile domanda se lì si possa essere felici. La risposta? Secondo me il clima mite, gli scorci incantevoli, la gente del posto che lavora senza affanno, un certo isolamento dal nostro mondo possono contribuire ad ottenere quella serenità che è spesso sopita in noi.
Può darsi che in stagione il flusso turistico alteri un po’ l’atmosfera, ma i pochi alberghi, le minuscole spiaggette di certo non consentono una presenza massiccia, e, fatta eccezione per il turismo giornaliero, credo che si riesca ancora a camminare quasi in solitudine.
A parte il periplo dell’isola, un percorso abbastanza lungo, con saliscendi anche di non trascurabile pendenza, che cosa c’è da vedere?
La Rocca Martinengo, del XIV secolo, che si trova un po’ all’interno e che non è visitabile, essendo proprietà privata, il Castello Oldofredi, pure non accessibile, perché abitato, il Santuario della Madonna della Ceriola, proprio in cima al monte e da cui si gode un panorama di grande effetto, la piccola isola di Loreto, sita a Nord, con un castello neogotico, però di proprietà privata come pure la suggestiva isola di San Paolo, a sud.
Quel che è più interessante è invece andar per borghi, sostare nelle piazzette silenziose, osservare gli ulivi che accarezzano la montagna, attendere il tramonto immersi in un velo rosato che, poco a poco, s’incupisce per lasciar posto all’oscurità della sera, appena scalfita dai rari lampioni, svegliarsi presto, prima che albeggi, per osservare i pescatori che tirano su le reti e, che ai primi strali di luce, ritornano ai porti inseguiti dai riflessi del sole.
Il tutto in un ritmo lento, quasi statico, che sorprende e avvince, noi, che abituati al suono della sveglia o della sirena della fabbrica, alla corsa per il parcheggio, tutti incolonnati e già lividi di rabbia, non sappiamo più vedere e ascoltare con il nostro cuore.
Montisola è stata una breve parentesi, un assaggio di un mondo che credevamo perduto e che sta solo a noi ritrovare.
  
 


 
Link per maggiori notizie:
 

www.tuttomonteisola.it
 
www.navigazionelagoiseo.it
 
 

 

N.B.: La fotografia di testa è stata reperita sul web; tutte le altre sono state scattate da me.  


 
©2006 ArteInsieme, « 09450182 »