Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Bell'Italia  »  Palazzo San Sebastiano a Mantova, di Renzo Montagnoli 10/01/2014
 

Palazzo San Sebastiano  a Mantova

di Renzo Montagnoli

 

 

Questo palazzo cinquecentesco che appare più una fortezza militare che una vera e propria residenza fu edificato fra il 1506 e il 1508 con il preciso scopo di essere l’abitazione preferita del marchese Francesco II Gonzaga, consorte della famosa Isabella d’Este, una vera e propria first lady, protagonista di primo piano nello scenario culturale e politico dell’epoca. Lui stesso fu uno dei personaggi più in vista, dedito al mestiere delle armi, poco propenso alla diplomazia e alla gestione del suo staterello, incarichi che del resto molto opportunamente delegò alla moglie durante le sue lunghe e numerose assenze, ivi compresa quella durata diversi mesi allorché fu fatto prigioniero dai veneziani. In questa dimora, i cui lavori di edificazione furono curati e diretti da Gerolamo Arcari e Bernardino Ghisolfo, Francesco II Gonzaga, da molti anni affetto da mal francese (sifilide) venne a mancare nel 1519. La sua morte, in un certo senso, segnò la fine della residenza che, pur mantenendo il suo scopo, non costituì più per il casato una dimora privilegiata e venne poco a poco dimenticata, fino alla metà del Settecento, allorché il governo austriaco decise di utilizzarla come caserma, accelerandone di fatto il degrado da tempo in atto. Ciò comportò la perdita degli affreschi realizzati da Lorenzo Leonbruno e in generale un impoverimento della struttura per la pressoché totale assenza di manutenzione, e non solo di quella straordinaria, di cui aveva certamente un gran bisogno. Non si contano poi le manomissioni, a seguito dei diversi utilizzi succedutisi, poiché nel 1883 Palazzo San Sebastiano fu utilizzato come lazzaretto e in seguito come bagno pubblico, colonia elioterapica, deposito di merci varie. Fu solo nel 1995 che fu avviata l’azione di recupero, profonda e difficile, ma che ha riportato l’edificio al suo antico splendore, diventando sede del Museo della Città. Il sisma del 2012 ha provocato danni ad alcune sale, ancora in corso di ripristino.

In questo museo che cosa c’è da vedere?

Considerato lo scopo di rappresentare i momenti più caratteristici della storia della città, si è pensato bene di dare vita a sette sezioni tematiche che raccontano di Mantova tra umanesimo e rinascimento con statue, busti, rilievi antichi e rinascimentali, dipinti, affreschi staccati, copie seicentesche dei Trionfi mantegneschi (gli originali sono conservati a Hampton Court presso Londra), stemmi nobiliari, pregevoli referti architettonici provenienti da monumenti della città e dei suoi dintorni. Insomma, una panoramica figurativa di quello staterello che fu per un periodo di tempo non certo breve un vero e proprio faro culturale a cui regni e imperi europei guardavano con ammirazione, non disgiunta da invidia.

Palazzo San Sebastiano si trova a circa 400 metri da Palazzo Te e quindi è possibile visitare con comodo i due monumenti.

Per arrivare a Mantova è consigliabile il mezzo proprio, con l’uscita di Mantova Nord dell’Autostrada del Brennero. C’è anche un servizio ferroviario, ma non funziona come dovrebbe, per cui ritardi e soppressioni sono assai frequenti.

Il Palazzo è sito in Largo 24 Maggio, 12; nelle vicinanze sono numerosi i parcheggi, a pagamento, tranne i giorni festivi.

 

Orari

Lunedì pomeriggio: 13.00-18.00. Da martedì a domenica: 9.00-18.00. La biglietteria chiude alle 17.30. Chiuso il 25 Dicembre.

Prezzi: La biglietteria è presso il Palazzo Te e il prezzo del biglietto consente la visita di entrambi i monumenti.

TARIFFE IN VIGORE DAL 16 DICEMBRE

  • biglietto Palazzo Te+Palazzo San Sebastiano+Mostra L'ordine e la luce (dal16 dicembre al 16 marzo 2014) € 10,00 (ridotto 7, ridotto speciale 3,5)
  • Biglietto famiglia € 19

Riduzioni e Omaggi in vigore

RIDOTTO

- visitatori oltre i 65 anni (over 65 years old)
- soci del TCI (Touring Club Italiano), FAI 
- gruppi di almeno 20 persone (groups at least 20 people)
- biglietto d'ingresso al Vittoriale degli Italiani,
- biglietto/abbonamento Torino Piemonte,
- tessera Legacoop Lombardia,
- coupon QUI!CULTURA,
- tessera soci ACI;

RIDOTTO SPECIALE

- visitatori tra i 12 e i 18 anni (visitors from 12 to 18 years old)
- studenti universitari (students)

OMAGGIO

- bambini fino agli 11 anni (visitors up to 11 years old)
- 1 accompagnatore per gruppo o scolaresca ogni 15 unità (1 companion for group or class of 15 units)
- giornalisti (press)
- possessori tessera Icom (Icom Card Owners)
- le seguenti forze dell'ordine: Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria, Corpo Forestale dello Stato, Vigili del Fuoco

Il biglietto ha validità 3 giorni dalla data di emissione per visitare Palazzo san Sebastiano

 

Per dormire:

 

http://www.turismo.mantova.it/index.php/hotel/lista/slot/vivere

 

Per pranzare:

 

http://www.turismo.mantova.it/index.php/ristoranti/lista/slot/vivere

 

Per maggiori informazioni su Palazzo San Sebastiano:

 

http://www.museodellacitta.mn.it/

 

 

La foto del servizio è stata reperita sul sito Wikipedia

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09386133 »