Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Bell'Italia  »  La Basilica di Sant'Apollinare in Classe e i suoi mosaici, di Renzo Montagnoli 07/01/2015
 

La Basilica di Sant'Apollinare in Classe e i suoi mosaici

di Renzo Montagnoli

 

 

 

A circa 5 Km. dal centro della città di Ravenna sorge, sulla via Romea, la Basilica di Sant'Apollinare in Classe, che è ciò che resta di un vasto complesso di edifici sacri edificati nel territorio di Classe. In particolare questo luogo sacro al culto, costruito nella prima metà del VI secolo e dedicato a Sant'Apollinare, primo vescovo di Ravenna, oltre a costituire motivo di interesse architettonico per la sua struttura romanica, è giustamente famoso per i suoi preziosi e stupendi mosaici. L'edificio si presenta a tre navate, con la centrale molto ampia e le laterali di dimensioni più contenute, che terminano con l'abside, in cui è presente la decorazione musiva. Prima di passare a parlare dei mosaici, giusto per completezza aggiungo che il materiale da costruzione è stato il laterizio e che il campanile è un elemento ignoto alle originarie basiliche e infatti questo fu aggiunto successivamente, all'incirca nel IX secolo. In sé la chiesa non si discosta da quelle che ben conosciamo e risalenti all'epoca, né avrebbe motivi di particolare caratterizzazione se non si fosse provveduto a decorare l'abside con dei mosaici che sono di una bellezza tale da lasciare estasiato il visitatore. Abbondano le pietruzze in polvere d'oro, ma anche gli altri colori risultano attentamente accostati al punto di creare una policromia equilibrata e suggestiva. Il fascione più alto, realizzato nel IX secolo, rappresenta al centro il ritratto aureolato di Gesù Cristo e ai lati gli animali che sono i simboli di tre dei quattro evangelisti e precisamente l'aquila (Giovanni), leone (Marco), vitello Luca, oltre all'angelo che rappresenta il quarto (Matteo). Nella fascia sottostante, divisa in due parti dall'arcone,  troviamo due città turrite (Gerusalemme e Betlemme), dodici pecorelle e due palme, simbolo queste della Resurrezione e del Paradiso; a scendere, uno per lato, gli arcangeli Michele e Gabriele, indi ancora più giù l'apostolo Matteo e un altro non identificato. Al centro la decorazione è spettacolare e vengono raffigurate la mano di Dio che indica la croce, questa in un campo azzurro con 99 stelle, Mosè, Elia, agnelli che simboleggiano gli apostoli Pietro, Giacomo e Giovanni, che ebbero modo di assistere alla Trasfigurazione di Cristo sul MonteTabor, Sant'Apollinare in mezzo al suo gregge, i Santi Vescovi Severo, Orso, Ecclesio e Ursicino. Più sotto ci sono dei grandi pannelli rappresentanti scene di vita ravennate (a sinistra) e dell'Antico Testamento (a destra). Riporto comunque una fotografia dell'abside in cui è possibile vedere questi mosaici, che sulla pellicola perdono non poco della loro bellezza, che può essere compresa solo osservandoli direttamente e quindi nel corso di una visita alla basilica. Un altro motivo di interesse è costituito dagli undici sarcofagi, tutti di pregevole fattura e in cui riposano per lo più le spoglie di alcuni vescovi. Sono disposti simmetricamente lungo le pareti esterne delle navate laterali, nonché lungo la parete in cui vi è l'ingresso alla basilica. Di dimensioni piuttosto corpose, presentano decorazioni di pregio, con la caratteristica di essere scolpiti sui quattro lati, uno in più di quelli romani.

Inutile che aggiunga che la Basilica merita una visita, magari in uno con quella alla Città di Ravenna, ricca di monumenti e di altri mosaici.

 

Indirizzo della Basilica
Via Romea Sud, 224
Classe - Ravenna

Orari di visita
dal lunedì alla domenica    8.30 - 19.30
chiusura biglietteria e ultimo ingresso   19.00
chiuso nei giorni 1 gennaio, 1 maggio e 25 dicembre

Ingresso
Ingresso a pagamento
- Intero € 5,00
- Ridotto € 2,50
- Gratuito per tutti i cittadini di età inferiore a 18 anni
- Ingresso gratuito per i docenti di ruolo e con contratto a termine fino al 31 dicembre 2014 (decreto 19 febbraio 2014) 
Sono previste ulteriori agevolazioni per l'ingresso e biglietti cumulativi.

 

Fonti:

Riccardo Ricci – Visita alla Basilica di Sant'Apollinare in Classe;

Soprintendenza ai Beni Culturali di Ravenna;

La fotografia è stata reperita su Sito Internet di Teatri e Musei in Italia.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010334286 »