Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Bell'Italia  »  Alghero: una cittą che rimane nel cuore, di Piera Maria Chessa 10/04/2021
 
Alghero: una città che rimane nel cuore

di Piera Maria Chessa



Scrissi questo testo tanti anni fa, nell’agosto del 2008, è quindi abbastanza “datato”, però mi piace riproporlo perché, rileggendolo, ho rivissuto quei giorni con piacere e nostalgia, ma anche con un pizzico di rimpianto. Tanti anni sono infatti trascorsi, e tante cose nel frattempo sono successe…

Alghero, la “piccola Barcellona”, così veniva chiamata, è una città che amo molto per le atmosfere e le suggestioni che sa trasmettere. Vado a rivederla ogni tanto, ma sempre abbastanza di corsa. Quella volta invece è stata tutta un’altra cosa: passeggiate lente, non per pigrizia ma per una scelta ben precisa, sguardi che si soffermavano a lungo sulle sue bellezze, tra queste anche le sue chiese ricche di storia, e i bei palazzi antichi.

Il risultato è stato piacevolissimo: un senso di appagamento che ricordo ancora molto bene.

***

Alghero: mare e mura, profumi e colori

Ho trascorso la settimana scorsa ad Alghero, città turistica piuttosto conosciuta. Stando lì, e non di passaggio, come spesso mi accade, ho potuto “farne parte”. Ho fatto lunghissime passeggiate e mi sono “guardata intorno”. Credo che mai, come in questi giorni, lei ed io abbiamo avuto modo di conoscerci. E devo dire che ci siamo piaciute!

Ho nelle narici i suoi profumi, l’odore del mare, diverso a seconda del luogo in cui sosti, dei vicoli del centro storico, dove sono stati aperti numerosi ristoranti e trattorie, e nel passarvi accanto, il profumo ti investe e ti spinge a fermarti.

E ho negli occhi i colori, quelli dei coralli, di cui il mare di Alghero è ricco, degli ori e degli argenti esposti nelle vetrine dei negozi situati lunghe le antiche vie della città.

Fare le passeggiate lungo i bastioni che circondano il nucleo più antico è spettacolare, soprattutto se ti affacci dall’alto sul mare, illuminato di giorno dal sole, di notte da una miriade di luci che lo rendono speciale.

Sul lungomare, alla sera, i complessini si alternano alle danze , ai canti, ai fuochi d’artificio, alle giostre coloratissime.

Ho visto una scultura fatta con la sabbia da un artista di strada: un piccolo gioiello che il vento, il mare, lo scorrere del tempo presto porteranno via.

Ho potuto soltanto fotografarla, in seguito certamente non sarà come ammirarla dal vero.

E le innumerevoli bancarelle dei venditori dell’Ecuador, del Senegal, dell’India, della Cina. Quanti colori , quanti piccoli capolavori!

Sedie intagliate, maschere in legno dai colori caldi, oggetti semplici ma talvolta molto belli e delicati.

Maree di persone che a volte ti levano il respiro nel venirti incontro, perché lo spazio manca.

Infine, lontano, là dove sembra che il mare finisca, il lunghissimo promontorio di Capo Caccia: un gigante che dorme disteso sull’acqua.

E proprio in cima, il faro, che insegui con gli occhi mentre alternativamente si accende e si spegne.

Alghero, la città dove il catalano continua a essere parlato e il corallo pescato, dove i turisti continuano a trascorrere le vacanze, incapaci di resistere al suo fascino fatto di mare e marinai, di colori e odori, di torri e bastioni, di vie strette che sanno di pietanze e di gente.



https://pieramariachessa.wordpress.com/






 
©2006 ArteInsieme, « 011359077 »