Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Un paese tra i monti  »  La messa vespertina 20/06/2020
 
La messa vespertina

di Renzo Montagnoli



Puntuali, all’ora del vespro,

le campane chiamavano alla messa

e allora vecchine in nero infagottate

salivano la scalinata fino al sagrato.


Era quel lasso di tempo

in cui il sole fuggiva dalla valle

giocando a nascondino con le cime

per poi andare al suo riposo.


Qualche ritardataria s’affrettava

e sul portone del tempio Don Zeffirino

la incoraggiava ed ecco che con il petto

ansante finalmente arrivava.


Il portone si chiudeva e il rito aveva inizio.

Fuori, il cielo chiazzato di nuvole viola,

pareva partecipare e solo quando le

ombre lunghe conquistavano la valle


scendeva un silenzio in cui le litanie

non eran che un sussurrato brusio

quasi un coro a bocche chiuse

che però lento risaliva i crinali


si issava con fatica sugli speroni di roccia

scivolava nei valloni ormai del tutto bui

e infine, con un ultimo sforzo,

si fiondava oltre le eterne vette.


Da Un paese tra i monti

 
©2006 ArteInsieme, « 010540823 »