Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici  Un paese tra i monti 

  Poesie  »  Un paese tra i monti  »  Gente di paese 1 12/07/2020
 
Gente di paese 1

di Renzo Montagnoli



Lontano per anni dal mondo

quasi nascosto al progresso

tre case in croce e pochi abitanti


gente di paese verrebbe da dire

ma non pochi con tare varie

da Ernesto l’idiota che rideva

ai funerali e piangeva ai matrimoni


orecchie a sventola a cornice

di un viso glabro e con un pressochè

eterno sorriso ebete, non un mostro,

ma quasi, eppur da tutti amato


perché buono e servizievole

in quella disgrazia che dalla nascita

gli era fedele e non gradita compagna

assistito con premura dai genitori


che ancor giovane seguì nella tomba

lasciando un vuoto che non si sarebbe

sospettato e con sulla lapide scritto

Ernesto, con affetto, ci mancherai.”.


E poi c’era Giustino, il messo comunale,

gobbo da sembrare Rigoletto

un uomo semplice che con dignità

portava la sua disgrazia, da tutti amato.


Un anno, quando son tornato,

non l’ho più trovato, anche lui sulla rupe

era una notte d’inverno andato

in silenzio come solo e sempre era stato.


E poi c’era Silvio, un ragazzo bello come

un cherubino, ma che trascinava la più

corta gamba destra, sempre disponibile

al sorriso, buono e bravo, un esempio.


Ma un giorno, di ritorno per un sentiero,

la gamba buona aveva ceduto e lui

era ruzzolato a valle, morendo sfracellato.

Tutto il paese era al suo funerale e di certo


lui lieto ne sarebbe stato, a sentire il discorso

del sindaco, le parole commosse del prete,

e forse invece tutto ha udito, affacciato dal cielo

sul suo paese fra i monti, mentre correva


finalmente con le gambe buone da una nube

all’altra, da una cima al gran ghiacciaio,

e infatti sulla lapide c’è scritto un auspicio

Che tu ora possa correre per le praterie del cielo”.


Da Un paese tra i monti

 
©2006 ArteInsieme, « 010342139 »