Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici 

  Poesie  »  Generica  »  La vecchia dimora 10/10/2018
 

La vecchia dimora

di Renzo Montagnoli



Mura sbrecciate

vicino alla cavedagna

ciò che resta

corrosa dal tempo

di quella che

in giorni di certo migliori

era una casa colonica.


Là dimorava il contadino

con la famiglia,

là la sera, intorno al fuoco,

si parlava degli anni passati

fiorivan leggende

storie di molesti fantasmi

mentre il lume a olio

gettava giochi di ombre.


Quante parole di sera

a chi di giorno era silente!

Quanti amori sbocciati

con un semplice sguardo!


Altri tempi, altri sogni,

altre speranze, e poi la guerra,

e dopo l’industria

che mangia la terra.


La casa si svuota

in città è il nuovo miraggio.

Restano gatti e serpi

fra quei mattoni sbiaditi.


Pioggia, vento, neve,

il soffitto che crolla

i muri che cadono

le erbacce che avanzano.


Ecco quel che resta

di una vecchia dimora

tre muri sbrecciati

come ossa spolpate.


Da Il mio paese

 
©2006 ArteInsieme, « 09045058 »