Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
  Generica  D'Amore  Epica  Nuovi percorsi espressivi  Acrostici 

  Poesie  »  Generica  »  Cuori caldi a Natale 23/12/2018
 
Cuori caldi a Natale

di Renzo Montagnoli




Non c’è quasi più memoria

di inverni gelidi e nevosi

e chi ne racconta – e ormai son pochi -

stupisce chi distratto ascolta.

Dice il vecchio:

Cari miei, ai miei tempi

sì che c’era l’inverno

ghiaccio e neve in abbondanza

freddo tanto che crepava le piante.

Tremavi solo al pensiero d’uscire

ma vento o neve non si mancava

alla messa di mezzanotte

perchè altrimenti non era Natale.

Stretti l’uno all’altro si scivolava

lungo le bianche strade

e nella chiesa le fiammelle delle candele

davano l’illusione di un ricco tepore.

Eppure se il freddo era fuori

caldi erano sempre i nostri cuori.

Si cantava per non gelare il fiato

si camminava rapidi per non bloccarsi

ma quella notte, la notte della Natività,

tutto sembrava diverso,

anche il freddo rafforzava l’entusiasmo,

era un rinascere anche noi

era la gioia d’essere parte di un mito,

di trovare in quel bimbo di creta

nella greppia del presepe

nuovamente la speranza

per un mondo diverso

che solo a Natale si poteva sognare.


Da Lungo il cammino


 
©2006 ArteInsieme, « 09103255 »