Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Orme intangibili, di Alessandro Ramberti, edito da Fara 09/05/2015
 

Orme intangibili

di Alessandro Ramberti

Prefazione di Vincenzo D'Alessio

Postfazioni di  Alfonsina ZanattaArdea Montebelli

e Gianni Criveller

Fara Editore

www.faraeditore.it

Collana Il filo dei versi

Pagg. 80

ISBN 978 97441 46 5

Prezzo € 10,00

 

Lungo la strada

 

Che lo vogliamo o no noi viviamo la nostra esistenza come il percorso lungo una strada in una serie di esperienze che ci portiamo poi appresso e quella poetica è sola una di queste, anche se non la meno importante. Ci si può incontrare con altri de visu, ma anche partecipando il nostro essere in versi, sviluppando concetti e riflessioni che in chi li legge finiscono con il restare impressi come un'orma, per quanto intangibile. Ed è di questo che parla questa nuova silloge di Alessandro Ramberti, di queste orme che si fissano all'anima. L'opera è anche frutto della religiosità, non certo di maniera, dell'autore e questa si esprime in modo insolito, secondo una complessità semplice, un ossimoro per dire che a priori è necessario accettare l'impostazione dell'autore, in un opera breve, ma dal contenuto consistente, in cui avviene un vero e proprio convivio letterario a cui partecipano personaggi del passato, come Kant, Camus e Santa Teresa di Lisieux. C'è posto anche per il presente, soprattutto quando questo è costituito da un pontefice come Francesco, simbolo di una Chiesa che guarda alla religione che rappresenta, ma che non tralascia di battersi, in attesa della giustizia divina, per quella terrena.

Non saprei dire se i versi di questa raccolta vengono a compendiare un concetto filosofico, o uno teologico, poiché il vivere secondo un credo religioso non è in contrasto con un concetto dell'esistenza che sia a dimensione dell'uomo, in pace con se stesso e con gli altri. 

In effetti lo spirito di Ramberti è assai vicino a quello di papa Francesco, perché comprende gli inevitabili dissidi fra la realtà esteriore e quella interiore, ma senza atteggiarsi a “magister” indica un percorso mistico che tutti possiamo trovare scavando dentro di noi fino al fondo dell'anima. Se guardiamo bene, se soprattutto ci astraiamo per un attimo dal contingente, il concetto che abbiamo di noi è misterioso, è tutto da scoprire e l'autore in questo ci aiuta, dandoci un metodo e un fine, in un'opera poetica in cui ciò che deve essere veramente osservato, rivoltato, analizzato è il contenuto. Non è forse il senso della vita che ogni tanto cerchiamo e che ci sfugge mentre stiamo per afferrarlo?

Ecco, Ramberti ci fornisce gli strumenti: sta a noi volerli usare.

 

 

Alessandro Ramberti è nato a Santarcangelo

 di Romagna nel 1960. Laureato in Lingue Orientali a Venezia, vince una borsa (1984-85) per l'Università Fudan di Shanghai. Nel 1988 consegue a Los Angeles il Master in Linguistica presso l'UCLA e nel 1993 il dottorato in Linguistica presso l'Università Roma Tre.

 Ha vinto il premio “l'Astrolabio” con Racconti su un chicco di riso (Tacchi Editore, 1991). Poesia: In cerca (2004), Pietrisco (2006), Sotto il sole (sopra il cielo) (2012). Ha pubblicato come Johan Thor Johansson la puzzle-story La simmetria imperfetta (1996) e, con L'Arca Felice di Salerno, le plaquette Inoltramenti (2009) e Paese in pezzi? I monti e i fiumi reggono (2001, nuova traduzione di 4 poesie di Du Fu). Gli è stata dedicata la Lettera in versi n. 32 a cura di Rosa ElisaGiangoia. È presente in antologie, riviste (un estratto di Orme intangibili è inserito in ItalianPoetry Review, VIII, 2013) e nel web.

 

Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 012590428 »