Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Istanbul Bound, di Carlo Bordoni - Edizioni Tabula Fati 02/02/2007
 

Istanbul Bound

di Carlo Bordoni

Edizioni Tabula Fati

Narrativa romanzo

Pagg. 192

ISBN: 88-7475-116-8

Prezzo: € 10,00

 

Dopo le prime pagine avevo tratto la convinzione di trovarmi di fronte a un romanzo che aveva attinto ispirazione dal celeberrimo Moby Dick o da qualche narrazione di Joseph Conrad. In effetti sono presenti elementi che convaliderebbero questa mia impressione: la ricerca spasmodica di un'isola misteriosa, un sogno/incubo  del capitano Beltramino   divorato da questa ossessione, le lunghe giornate a bordo, ripetitive, tranne quando le forze della natura si scatenano, la descrizione intensa dell'equipaggio, di rudi uomini di mare visti dagli occhi stupiti del giovane mozzo al suo primo imbarco.

E invece Istanbul Bound è un romanzo dotato di propria autonomia ed è la descrizione di un viaggio, effettuato nell'imminenza della seconda guerra mondiale,   da Massa a Istanbul, località a cui la nave non arriverà mai in un finale del tutto imprevedibile, ma frutto di una geniale invenzione dell'autore che, nelle ultime pagine, ha profuso a piene mani un'indubbia eccellente creatività. Del resto, anche prima, ci sono delle felici intuizioni, una sorta di stacchi temporali che evitano che la narrazione possa appiattire, così che il lettore abbia a godere un po' di rilassamento, astraendolo momentaneamente da una lenta, ma crescente suspence. In effetti, come ne Il deserto dei tartari, si ha viva l'impressione che da un momento all'altro la quasi noiosa calma apparente possa subire un'improvvisa lacerazione, come accade poi alla fine.

Ben scritto, con un'analisi accurata dei personaggi, con delle riflessioni e approfondimenti di pregevole livello (raccomando di leggere con attenzione quella relativa alla guerra), Istanbul Bound è un romanzo che merita di essere letto.      

 

 

 

 

 

Carlo Bordoni (Carrara, 1946) è docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi all'Università di Firenze. Ha insegnato all'Istituto Universitario Orientale di Napoli e allo IULM di Milano. È stato direttore dell'Accademia di Belle Arti di Carrara dal 1990 al 2003.
     Tra le sue pubblicazioni: La paura il mistero l'orrore dal romanzo gotico a Stephen King (Solfanelli, 1989), Il romanzo di consumo (Liguori, 1993), Conversazioni sul vampiro (Neopoiesis, 1995), Stephen King (Liguori, 2002), Linee d'ombra (Pellegrini, 2004), Introduzione alla sociologia dell'arte (Liguori, 2005), Le scarpe di Heidegger (Solfanelli, 2005), Il testo complesso (Clueb, 2005), Società digitali (in corso di pubblicazione).
     Dirige la collana di saggistica Micromegas per le Edizioni Solfanelli. Collabora alle riviste “Il Ponte, “L'Indice dei Libri”, “Labirinti del Fantastico”. Il suo precedente romanzo, In nome del padre (Baroni, 2001), è una storia fantastica attorno al tema della morte apparente.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011940272 »