Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Recensioni  »  Il lupo, di David King, edito da Piemme 08/11/2018
 
Il lupo

di David King

Edizioni Piemme

Narrativa romanzo storico

Pagg. 457

ISBN 9788856623000

Prezzo Euro 9,90



Il medico criminale



La Francia vanta un buon numero di assassini seriali e se Martin Dumollard e Joseph Vacher sono certamente meno noti, assai più conosciuti sono Henri Landru e Marcel Petiot. A quest’ultimo David King ha dedicato un’opera monumentale (454 pagine) con cui, mescolando la creatività propria del romanzo e la puntigliosità del ricercatore storico, ci fornisce il ritratto di un personaggio di particolare interesse, in cui il male sembra innato e prevale comunque sempre sul bene. Petiot, che a seguito dello stress patito durante la Grande Guerra fu riconosciuto totalmente insano di mente e che ciò nonostante riuscì a laurearsi in medicina con ottime votazioni, successivamente, in occasione del processo contro di lui tenutosi nel 1946, fu invece definito da un collegio di psichiatri perfettamente in grado di intendere e di volere, e proprio per questo motivo fu riconosciuto colpevole di 27 omicidi e condannato a morte, sentenza eseguita il 25 maggio 1946 ricorrendo alla ghigliottina. Il personaggio, che cercò di difendersi attribuendosi molti più delitti, ma perpetrati nei confronti di nazisti e di loro collaboratori, e non di innocenti ebrei come invece asserito dall’autorità inquirente e appurato, pur con non pochi punti oscuri, nel corso del processo, è indubbiamente uno di quelli in grado di calamitare l’attenzione della folla, per una innata capacità di apparire tutt’altro che sanguinario, insomma un vero e proprio mostro dalla doppia personalità. L’autore, secondo me, avrebbe dovuto approfondire maggiormente questa caratteristica, invece di dedicare troppe pagine alla ricerca, in corso di guerra, di quello che ormai era considerato dalla polizia un nemico pubblico di notevole giustificata pericolosità. Fra false segnalazioni, non poche illazioni e anche alcune tracce possibili si sprecano non poche pagine che appesantiscono inutilmente l’opera, come anche alcune digressioni dedicate a uomini della cultura dell’epoca (Sartre, Camus, Picasso e altri) che non trovano una ragione logica per il loro inserimento. Dato che ritengo che l’intenzione di King fosse quella di scrivere un thriller ad alta tensione tutti questi elementi dispersivi finiscono invece per afflosciare il ritmo, per trasformare l’iniziale attrazione in un sempre più accentuato senso di noia. Ed è un peccato, perché Marcel Petiot ha tutte le caratteristiche del delinquente in grado di polarizzare su di lui l’attenzione del lettore, meravigliato per la sua non comune intelligenza e inorridito per l’efferatezza dei suoi delitti.

Resta comunque un romanzo leggibile, anche se si è persa l’occasione per lasciare un segno, ovviamente positivo, nel vasto panorama letterario.





David King si è laureato a Cambridge e ha a lungo insegnato all’università del Kentucky. Vive a Lexington con sua moglie e i suoi figli. Segnalato con il massimo riconoscimento dalle più importanti riviste letterarie, che lo hanno salutato come un capolavoro capace di fondere brillantemente accurate ricerche, storia popolare e la tensione del thriller, Il Lupo (Piemme, 2012) è stato accolto con straordinarie recensioni dalla stampa americana ed è in corso di traduzione in dodici paesi.


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 09045068 »