Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Recensioni  »  Cave Canem, di Danila Comastri Montanari, edito da Hobby & Work Publishing 05/03/2019
 
Cave canem

di Danila Comastri Montanari

Hobby & Work Publishing

Narrativa romanzo giallo

Pagg. 264

ISBN 9788871333434

Prezzo Euro 11,50


Un detective con la toga


Cave canem, tradotto in italiano attenti al cane, è un’iscrizione che si trovava sovente all’ingresso delle case romane ed è il titolo di questo romanzo giallo il cui protagonista è Publio Aurelio Stazio, un senatore appassionato di indagini e di belle donne. L’opera, scritta dalla bolognese Danila Comastri Montanari, è la prima di una fortunata serie in cui l’investigatore è sempre Publio Aurelio. Ho notato che da un po’ di tempo c’è la tendenza ad ambientare in epoche passate, anche di molto, delle trame gialle in modo da suscitare nel lettore ulteriori elementi di curiosità e di interesse; tanto per citare solo alcuni narratori che operano in tal senso troviamo Tiziana Silvestrin che ha creato la figura del capitano di giustizia Biagio dell’Orso che indaga nel corso del XVI secolo nella Mantova dei Gonzaga, e Ben Pastor, con il suo ufficiale tedesco Martin von Bora che alterna eventi bellici a investigazioni. Le particolarità dei protagonisti sono determinanti per il successo delle prose in cui appaiono e anche nel caso Publio Aurelio la simpatia che suscita con il suo acume, accompagnato da una sottile vena di ironia, è tale da far nascere in chi legge l’interesse per il romanzo al punto che anche gli episodi successivi costituiscono l’attrattiva proprio perché è sempre presente quel personaggio. Un altro aspetto fondamentale è l’ambientazione ed è qui che assume rilevanza l’aspetto storico; nel caso delle trame in cui è attore principale Publio Aurelio è la Roma imperale, che non mi pare abbastanza ben ricreata, perché l’atmosfera, il modo di procedere e anche i dialoghi non mi sembrano propri dell’epoca, ma ben più attuali. Quanto alla struttura dell’opera lo stile è leggero, il ritmo mai troppo lento e mai troppo veloce; fa difetto semmai un’analisi un po’ più approfondita dei personaggi, che in alcuni casi sembrano degli stereotipi e in altri ricalcano una caratterizzazione superficiale.

Insomma un po’ la suspence, un po’ un tuffo nella storia caratterizzano la lettura di Cave canem, un romanzo che potrebbe essere migliore solo se l’autore volesse dedicare maggiore impegno all’analisi psicologica dei protagonisti, inserendoli in un contesto in cui fosse più facile per il lettore calarsi nella vita dell’antica Roma.

Da leggere comunque perché consente un po’ di svago senza impegnare troppo la mente.


Danila Comastri Montanari nasce a Bologna il 4 novembre del 1948. Lascia precocemente la scuola, per entrare all'università dove si laurea in Pedagogia (1970) e in Scienze Politiche (1978). Per vent'anni insegna storia alle superiori, e viaggia ai quattro angoli del mondo. Nel 1990 scrive il suo primo romanzo, quindi si dedica a tempo pieno alla narrativa, privilegiando un genere, quello del giallo storico, che le permette di conciliare i suoi principali interessi: lo studio del passato e l'amore per gli intrecci mystery. La saga, fortunatissima, del senatore-detective Publio Aurelio Stazio, pubblicata in Italia da Mondadori, è giunta, con Ludus in fabula (2017), al diciannovesimo volume.


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 09324451 »