Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Dove un'ombra sconsolata mi cerca, di Andrea Molesini, edito da Sellerio 06/06/2019
 
Dove un’ombra sconsolata mi cerca

di Andrea Molesini

Sellerio Editore Palermo

Narrativa romanzo storico

Pagg. 292

ISBN 9788838939211

Prezzo Euro 15,00


Crescere in fretta


Strano titolo quello dell’ultimo romanzo di Andrea Molesini, talmente strano che mentre leggevo ogni tanto mi chiedevo il significato. Giunto al termine del libro l’autore veneziano ha soddisfatto la mia curiosità in una Nota al testo e così ho appreso che quel Dove un’ombra sconsolata mi cerca è la traduzione di un verso della poetessa russa Anna Achmatova, che aggiunge:” Ogni tentativo di presentare le proprie memorie in forma coerente equivale a un falso. Nessuna memoria umana è predisposta in modo da ricordare tutto in una sequenza continua.”. In questo modo si spiega la struttura dell’opera che alterna capitoli di epoche non successive, ma salta da un periodo antecedente la seguente guerra mondiale ad anni assai più recenti, per tornare poi a quelli drammatici del secondo conflitto, proprio di chi, giunto a una certa età, cerca di riordinare i suoi ricordi che affiorano a sprazzi e quasi mai in un preciso e continuo ordine temporale.

Ciò premesso devo dire che Andrea Molesini mostra una spiccata preferenza per quelle trame che hanno come palcoscenico la laguna della sua Venezia nel corso di una guerra e con protagonista principale non tanto un uomo adulto, quanto un bambino, al più un adolescente. Naviga sempre bene in questo schema che gli è congeniale e lo fa con mano sicura, inserendo sempre una punta di suspense che non può che giovare a una narrazione già di per sé interessante. In questa sua ultima opera troviamo così la vicenda di Guido, un bambino veneziano, figlio di un ufficiale della Regia Marina che in effetti è un agente segreto e che si fa chiamare Comandante, un uomo pragmatico, che si diletta a costruire mappamondi, e che è abituato a prendere decisioni, anche drammatiche, portato più per le materie scientifiche che per quelle letterarie, a differenza della moglie, che vede il mondo attraverso una lente poetica che la porta, per esempio, a chiamare i fiocchi di neve “farfalle fredde”. Se i ricordi degli anni del fascismo ante guerra sono tutto sommato sporadici, molto più frequenti sono quelli del periodo bellico, in special modo dall’8 settembre 1943 al 25 aprile 1945; il motivo è che il padre di Guido e Guido stesso, rimasti rispettivamente vedovo e orfano, sono membri attivi della Resistenza, anzi il Comandante ne è il capo in Laguna. Non c’è miglior occasione dei pericoli di una guerra e dentro essa di un conflitto civile per accelerare la crescita di un ragazzino; e infatti Guido in quel non lungo lasso di tempo sboccerà all’età adulta, conoscendo l’amore, le angosce di chi si sente braccato, il dramma di un’amicizia che verrà interrotta da un’esecuzione. Intorno a lui si agitano altri personaggi, tutti ben definiti, quali il nostromo Tobia, la vecchia e saggia zingara Sussurro, la bella nera Maria, il sacerdote tabagista don Rino, la desiderabile Francesca, il maestro Gorlato, la domestica Concetta con le sue Ave Marie, l’equivoca Madame la Petasse, il maggiore tedesco Werner che sta con i partigiani perché consapevole dell’imminente fine del Terzo Reich, il Comandante stesso, ma soprattutto Scola, il grande amico la cui tragica fine inciderà sulla sua vita per sempre. Questo è indubbiamente un romanzo di formazione, ma non solo, perché è anche un’opera in cui l’autore pone a confronto la bellezza della natura con la follia degli uomini, il peso del potere che a volte costringe a prendere decisioni ingiuste, ma necessarie, i conflitti che possono nascere fra padre e figlio e che diventano talora insormontabili, il tradimento, subdolo e inspiegabile, insomma un insieme di situazioni, di stati d’animo, dipinti con rara maestria sullo sfondo di una laguna che è insieme rifugio e fonte delle nostre paure.

E’ leggera la mano di Molesini, anzi direi meglio leggiadra, visto che non è infrequente l’innesto di una vena poetica in quello che, secondo me, è il più bel romanzo scritto dall’autore, tanto da consigliarne vivamente la lettura.




Andrea Molesini ha pubblicato  Non tutti i bastardi sono di Vienna, che nel 2011 ha vinto, tra gli altri, il Premio Campiello e il Premio  Comisso, tradotto in inglese, francese, tedesco, spagnolo e molte altre lingue,  La primavera del lupo (2013) e Presagio (2014), tutti e tre editi da Sellerio, nonché La solitudine dell’assassino (2016) edito da Rizzoli.


Renzo Montagnoli



 
©2006 ArteInsieme, « 09525757 »