Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Si ammazza troppo poco. I crimini di guerra italiani 1940 43, di Gianni Oliva, edito da Mondadori 30/08/2019
 
Si ammazza troppo poco.

I crimini di guerra italiani 1940 – 43

di Gianni Oliva

Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.

Storia

Pagg. 230

ISBN 978-8804551294

Prezzo Euro 18,00


Altro che italiani brava gente!



Si ammazza troppo poco sembrerebbe una battuta, ma non lo è, purtroppo, perché fu la frase pronunciata nel 1942 dal generale Mario Robotti, comandante dell’XI Corpo d’armata italiano in Slovenia e Croazia per ribadire che era necessaria la massima fermezza nel reprimere il movimento partigiano, non limitandosi a fucilare i rei confessi, o comunque di cui si era provata la colpa, ma addirittura anche quelli su cui aleggiava un semplice sospetto.

Da che mondo è mondo spesso le forze di occupazione si sono macchiate di eccidi, non di rado ingiustificati, nell’assunto che per i popoli vinti è necessaria la piena sottomissione, raggiungibile più facilmente instaurando un clima di terrore. Al riguardo, non si era sempre parlato di Italiani brava gente? Sì, e adesso venire a scoprire che le nostre forze di occupazione nei Balcani si sono comportate né più né meno come i tedeschi provoca un vero e proprio sbigottimento, tanto più marcato quanto maggiore é la convinzione che i nostri non solo non si fossero macchiati di crimini di guerra, ma addirittura avessero prestato aiuti di diverso genere alle popolazioni vinte. Se ci si pensa bene, tenuto conto che ogni guerra provoca un imbarbarimento degli uomini, l’idea dei nostri soldati pacifici vincitori assume la veste di una favola. Ci si meraviglia piuttosto perché i vari criminali di guerra italiani, fra i quali rientra appunto Robotti, non siano stati processati e puniti esemplarmente, o addirittura non sia stata consentita la loro estradizione reclamata dal governo iugoslavo o da quello etiopico. Al riguardo consiglio di leggere con estrema attenzione le pagine iniziali di questo interessante saggio storico, dove il nostro ambasciatore a Mosca Quaroni consiglia il Ministero degli Affari Esteri di non aderire alle richieste di estradizione per una serie svariata di motivi, purtroppo pressochè tutti condivisibili, ma di provvedere, come estrema ratio, a processare i criminali di guerra in Italia, magari condannandoli al massimo a una trentina di anni, per poi, cessato il clamore e trascorso un lasso di tempo abbastanza breve, rimetterli in libertà alla chetichella. Per quanto tale soluzione tipicamente italica presentasse una sua valenza, fu applicata, e solo ufficialmente, a ben pochi casi, fra i quali quello del generale Mario Roatta; il militare, che nel 1934 era diventato capo del SIM (Servizio Informazioni Militari), fu infatti incriminato, fra l’altro, per aver avviato lo sterminio del popolo sloveno, venne catturato, incarcerato, ma stranamente il 4 marzo 1945 evase dall’ospedale militare dove era detenuto, probabilmente grazie al concorso dell’Intelligence inglese e di un suo sottoposto, e si rifugiò in Spagna. Fu condannato in contumacia all’ergastolo, ma al termine dei previsti gradi di giudizio finì assolto, beneficiando fra l’altro della famosa amnistia voluta da Togliatti. Come al solito, insomma, finì a tarallucci e vino, ma ciò non toglie che le dure e feroci repressioni nei Balcani ci furono, talmente dure che fra gli internati nell’isola di Rab (non solo uomini, ma anche donne e bambini) la mortalità risultò superiore a quella di Auschwitz, nel vero e proprio tentativo di sopprimere il popolo sloveno e non è improbabile che la triste vicenda delle foibe sia stata in parte una conseguenza del nostro operato in Slovenia e Croazia.

Il libro, inappuntabile dal punto di vista storico, risulta tuttavia un po’ greve, il che però non limita l’interesse dello stesso, piuttosto elevato, perché porta alla luce fatti volutamente celati e riesce a dimostrare ancora una volta che se non si fanno i conti con il proprio passato le prospettive dell’avvenire non possono che essere estremamente incerte.



Gianni Oliva, storico, giornalista e politico italiano, studioso del Novecento, da anni si occupa degli aspetti meno indagati della storia nazionale, in particolare dei nodi irrisolti del 1943-48. Da Mondadori ha pubblicato, fra gli altri, La resa dei conti (1999), Foibe (2002), Le tre Italie del 1943 (2004), Profughi (2005), Si ammazza troppo poco (2006), L'ombra nera (2007), Soldati e ufficiali (2009), Esuli (2011), L'Italia del silenzio (2013), Un regno che è stato grande (2013). Alle vicende della dinastia sabauda ha invece dedicato I Savoia (1998) e Duchi d'Aosta (2003). Per Edizioni del Capricorno ha pubblicato La Grande Guerra degli italiani. 1915-1918 (2015), Mussolini 1945. La fine del Fascismo (2015), L’avventura coloniale italiana. L’Africa Orientale Italiana 1885-1942 (2016), Un secolo d’immigrazione a Torino. Storia e storie dall’Ottocento a oggi (2017) e Torino anni di piombo (2018).


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 09713648 »