Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Le grandi battaglie degli Alpini nella Grande Guerra, di Diego Vaschetto, edito da Capricorno 02/10/2019
 
Le grandi battaglie degli Alpini nella Grande Guerra

di Diego Vaschetto

Edizioni del Capricorno

Storia

Pagg. 159 con ill.ni

ISBN 9788877073839

Prezzo Euro 9,90


La leggenda degli Alpini


Gli scontri fra i ghiacci dell’Ortles e dell’Adamello, il sangue copioso versato sul Pasubio, i combattimenti cruenti sostenuti sull’Altopiano di Asiago, le imprese di guerra e alpinistiche sul monte Cauriol, gli incredibili assalti ai castelli rocciosi in Val Costeana fra il Castelletto e il Lagazuoi Piccolo, le epiche vicende su Monte Cristallo sono i teatri naturali in cui gli Alpini si dissanguarono, mai domi, con un eroismo di corpo di cui si sarebbero resi protagonisti anche nel secondo conflitto mondiale. Sulle alte cime, a cui già arrivare può considerarsi un’impresa, visto il gelo perenne e le tempeste che le battono, gli alpini osarono di più di quello che la logica avrebbe consentito, attaccando il nemico, combattendo corpo a corpo, immolandosi anche in attacchi senza probabilità di successo. Ma anche scendendo di quota opposero un muro agli austriaci della Strafexpedition e lasciarono la vita in quella Verdun italiana che è stato il monte Pasubio. Non furono le uniche truppe a combattere in quella Grande Guerra, perché va dato atto anche al coraggio delle fanterie e dei bersaglieri, ma loro, quelli con la penna sul berretto, erano diversi, erano fieri di essere reparti specializzati, costituiti da gente che di montagne se ne intendeva, perché viveva da civile nelle valli alpine; non solo questo, però, perché lo spirito di corpo era tale che, salvo poche eccezioni, vigeva un cameratismo stretto al punto che la disciplina non prevedeva un rigido distacco fra la truppa e gli ufficiali, anche quelli di rango superiore, elemento catalizzatore sempre presente anche nelle epoche successive. Non sarebbe facile trovare nemmeno oggi un uomo come Gabriele Nasci, durante quella guerra ufficiale di rango inferiore, ma che in seguito diventò generale, sempre in testa ai suoi uomini in ogni battaglia, pronto a dividere con loro la dura realtà di ogni giorno di guerra, o come Achille Papa, un generale idolatrato dai suoi soldati, teso sempre a limitare le perdite, a essere di esempio e se necessario di conforto, uomini certo d’altri tempi, ma che ben seppero interpretare lo spirito che ha sempre animato il corpo degli Alpini.

Diego Vaschetto ci parla delle quasi incredibili battaglie che li videro protagonisti nel corso della Grande Guerra, con una narrazione snella e schematica, con l’aiuto di cartine e di fotografie dell’epoca; inoltre, ben consapevole dell’interesse dei lettori, completa ogni teatro di scontro con una dettagliata descrizione dei percorsi da seguire affinché chi è in grado di effettuare escursioni possa andare a vedere quei palcoscenici, ormai silenziosi, dove si è forgiata la leggenda degli Alpini. Forse non è un libro di storia come quelli che siamo abituati a leggere, ma è veramente efficace, in grado di appassionare dalla prima all’ultima pagina, e questo è certo un grande merito.


Diego Vaschetto. Laureato in Scienze geologiche all’università di Torino, specialista in scienze e culture alpine, difesa del suolo e tutela dell’ambiente, si occupa di glaciologia alpina e artica, vulcanologia, meteorologia e rilevazione nivometrica. Ha collaborato come fotografo con alcune riviste ed è stato consulente scientifico nella stesura di guide turistico-escursionistiche.


Renzo Montagnoli



 
©2006 ArteInsieme, « 09650386 »