Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Ultima vela, di Francesco Belluomini, edito da Samuele 10/04/2020
 
Ultima vela

di Francesco Belluomini

Prefazione di Vincenzo Guarracino

Samuele Editore

Poesia

Collana Scilla

Pagg. 228

ISBN 978-88-94944-01-3

Prezzo Euro 13,00


Il tribolato oceano dell’esistenza


L’ultima vela è l’ultimo spazio che un uomo può ritagliarsi nel suo percorso terreno, di cui intende lasciar traccia, se non per altri, almeno per sé, onde verificare il suo trascorso prima di chiudere il libro dell’esistenza. Questa opera postuma è a tutti gli effetti un’autobiografia, in versi endecasillabi, che donano struttura, equilibrio e armonia a una poesia che ha un unico tema, quello appunto di parlare della propria vita.

Di raccontarsi, di essere sincero perfino con se medesimo lo si nota perfino dai primi versi, in cui l’autore non fa sconti per nessuno, e a maggior ragione per se stesso (Come se disarmato sulla testa / d’albero del velame di quest’ultima / regata, sulla boa di sopravvento / tentassi completare la bolina / con la vela rimasta nel pozzetto, / per prendere le raffiche di poppa / e tagliare la linea del traguardo / nel valzer dell’insolite strambate. / Un percorso da stato d’emergenza / da vero giramondo dei mestieri, / non mancato scontare mio peccato / doppiando pure quattro continenti./ Non avere più nulla da mostrare / non significa farmi qualche giro / di respiro sul molo di Viareggio / o lungo le pinete disastrate / dal tempo e dall’incuria dei tutori,/ che tanto son finiti quei valori. / Ma posso sempre rendermi presente / narrando con la forma prigionata / il tempo dell’esposta controversia, / allineando quest’ultimo poema / dopo quelli che stanno decantando / ancora sul fondale del cassetto./ …).

Sarebbe però troppo riduttivo vedere l’opera solo sotto l’aspetto autobiografico, come del resto testimoniato da questa serie di metafore che traggono origine dalla trascorsa e lunga attività sul mare, dico che sarebbe riduttivo o ancor peggio semplicistico ricondurre il tutto a una se pur pregevole trasposizione in versi della propria vita. Del resto queste prime strofe che, anziché disorientare o affaticare il lettore lo avvincono con il ritmo che ha il sapore dell’onda che lenta alla spiaggia arriva, hanno anche il pregio di far balenare il vero scopo di questo bel lavoro. Già, parlar di sé senza raffrontarsi con il mondo che ci circonda sarebbe troppo semplice, ci farebbe apparire soggetti passivi trascinati dagli eventi e dal senso comune senza porci quei problemi che solo menti elette possono e devono proporsi. E’ così che l’autore espone il proprio senso della vita, in evidente contrasto con la società di cui è parte e che, più che vivere, vegeta, distratta, priva di valori, dimentica del passato, incapace di rendere reattivo il presente e del tutto disinteressata del futuro. E’ l’ultimo canto di un uomo che nel vedere nello specchio se stesso non può fare a meno di avvertire, intenso e profondo, quell’anelito per un mondo che sia costruttivo ed equo. giusto e solidale, un mondo che ha ormai smarrito quella strada che invece è propria dell’autore e che ora appare ai suoi occhi permeato dall’indifferenza di figure senza anima, né nerbo, gente che vive alla giornata, incapace di elevarsi oltre la mera e vorace soddisfazione dei beni materiali.

Completa l’opera un’appendice in deroga, ove più evidente riappare quella vita di mare che ha lungo ha accompagnato l’autore, solo due poesie, non a caso in chiusura di un lungo adagio, la nota finale che ribadisce quanto prima espresso, il tocco di grazia che chiude una sinfonia di parole.


Renzo Montagnoli


 
©2006 ArteInsieme, « 010186181 »